Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sanità, centro unico per prenotare visite nel 2021
Si lavora a una nuova App che leggerà le ricette

Lentamente va avanti il percorso di digitalizzazione e semplificazione della sanità regionale. Era già stato annunciato a marzo 2018, il SovraCup adesso ha una data di inizio: gennaio 2021. Si partirà dalle province di Catania, Messina ed Enna

Salvo Catalano

Era stato presentato a marzo del 2018 dagli assessori Ruggero Razza e Gaetano Armao. Oggi si annuncia che sono stati siglati i contratti con le aziende di tecnologia coinvolte nell'operazione. E si dà una prima data, gennaio 2021, per la partenza sperimentale limitatamente a tre province: Catania, Messina ed Enna. Parliamo del SovraCup, il centro unico di prenotazione per le visite sanitarie. L'obiettivo è trasformare i vari centri provinciali in un unico sistema regionale centralizzato di condivisione e prenotazione dell’offerta delle prestazioni sanitarie. Riducendo così le liste di attesa.

Sono passati un anno e sette mesi da quando i due esponenti del governo Musumeci hanno annunciato l'avvio «della più grande rivoluzione digitale sanitaria» in Sicilia, che prevede anche l'attivazione del numero unico per le emergenze (operativo dall'8 ottobre in tutta l'Isola), il fascicolo sanitario elettronico e la cartella clinica digitalizzata.

Oggi la giunta comunica che «nei giorni scorsi sono stati perfezionati i contratti tra la Regione Siciliana e il raggruppamento di imprese formato da Almaviva, Almawave, Indra Italia e Pwc Coopers Advisoring». Un passo che porterà a gennaio 2021 a lanciare il SovraCup a Catania, Messina ed Enna, per poi includere, nella primavera dello stesso anno, tutte le strutture (pubbliche e private) del Sistema sanitario regionale.

Il Centro unico prenotazione regionale permetterà al cittadino di sapere, con un'unica chiamata, dove poter effettuare la visita sanitaria richiesta nel minor tempo possibile sull'intero territorio regionale, includendo tutte le aziende sanitarie presenti in Sicilia. «Sarà così possibile evitare le prenotazioni multiple - sottolineano dalla Regione - che allungano notevolmente i tempi di attesa, e si avrà inoltre un costante monitoraggio delle liste d’attesa e dell’appropriatezza delle prescrizioni».

Annunciata un'altra novità importante: si potrà prenotare anche via app, senza dover chiamare. Dovrebbe essere creata, infatti, un'applicazione - utilizzabile dai cittadini, dagli operatori Cup locali, dai medici e dai farmacisti - destinata a effettuare e gestire le prenotazioni e anche al pagamento del ticket tramite PagoPa, la nuova modalità che punta a standardizzare tutti i pagamenti alle pubbliche amministrazioni. In particolare l'app consentirà di leggere il codice a barra della ricetta dematerializzata fornita dal medico. E la stessa app ricorderà all'utente la data dell'appuntamento, dando persino le indicazioni stradali per raggiungere la struttura sanitaria che erogherà la prestazione. 

Nell'attesa che quanto annunciato si confronti alla prova della realtà, l'assessore all'Economia Gaetano Armao annuncia che «entro la fine dell'anno ulteriori servizi digitali saranno attivati, mentre ci prepariamo al Digitalday che si terrà martedì prossimo a Palermo».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews