Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Poste Italiane, ecco i 14 uffici che chiudono in Sicilia
«Un'inaccettabile perdita di servizi e posti di lavoro»

Cinque a Messina e Palermo e poi due a Catania e due a Siracusa. A denunciare la chiusura delle filiali è stato il deputato regionale del Pd Franco De Domenico. Dall'azienda parlano di «progetto di rimodulazione da condividere con le autorità comunali»

Marta Silvestre

Foto di: stefelix

Foto di: stefelix

«Appreso che Poste Italiane, nell'ambito di una riorganizzazione del servizio, ha predisposto un piano di razionalizzazione delle filiali delle grandi città - che prevede la chiusura di una trentina di uffici postali in tutta Italia, di cui 14 in Sicilia - abbiamo presentato un'interrogazione all'assessore alle Politiche sociali e del Lavoro Antonio Scavone». A dare notizia del piano di razionalizzazione della società controllata al 64 per cento dal ministero dell'Economia è il deputato regionale del Partito democratico Franco De Domenico

Stando alle informazioni in suo possesso, in chiusura ci sarebbero cinque filiali a Messina, altrettante a Palermo e poi rispettivamente due a Catania e due a Siracusa. «Riteniamo - denuncia De Domenico - che questo disimpegno sia inaccettabile in una realtà territoriale nella quale il lavoro costituisce una vera e propria emergenza, per di più da parte di un soggetto, nella sostanza, pubblico come Poste Italiane, con risultati di bilancio che neanche le banche private possono vantare. La chiusura degli uffici - aggiunge - prelude la perdita definitiva di occasioni occupazionali per il futuro». Infatti, al momento, il personale dovrebbe essere spostato in altre sedi ma l'impatto a lungo andare si farà sentire. Intanto, verrebbero comunque meno alcuni servizi.

In merito a questo, da Poste Italiane fanno sapere che «in alcune grandi città ad alta densità abitativa e capillare presenza di uffici postali è stato avviato un progetto di rimodulazione della presenza in aree urbane con il solo scopo - scrivono in un comunicato - di implementare il servizio e migliorare l’articolazione territoriale per cittadini, imprese e pubblica amministrazione». I criteri adottati riguardano solo «città con numero di abitanti superiore a 100mila, uffici postali con esiguo numero di operazioni effettuate al giorno, presenza di altro ufficio limitrofo entro poche centinaia di metri e adeguamento ai processi di trasformazione urbana». L’azienda ribadisce, inoltre, che nessun ufficio postale verrà chiuso senza una completa e preventiva condivisione con le competenti autorità comunali

Elenco degli uffici postali in chiusura nel piano di razionalizzazione di Poste Italiane:
Catania 5, via Giuseppe Carnazza Amari 
Catania 29, il punto tabaccheria di via Vittorio Emanuele
Messina 1, via Nicola Fabrizi
Messina 16, via Pietro Castelli
Messina Mili San Marco
Messina Pace
Messina Santo Stefano Di Camastra
Palermo Mondello Lido
Palermo 2, piazzetta Santo Spirito 
Palermo 20, piazza Luigi Sturzo
Palermo 22, via dei Cantieri
Palermo 38, via Emilio Giafar
Siracusa 1, via Santi Coronati 
Siracusa 11, dal sito risulta essere un ufficio sostitutivo già chiuso al pubblico

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews