Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caos coalizione, Micciché di nuovo contro Armao
«Esca dai social e si occupi del bilancio regionale»

Nuovo atto di accusa del presidente dell'Ars all'assessore all'Economia, Gaetano Armao. «È la prima volta, nella storia di questa Assemblea - attacca - che ad ottobre inoltrato, gli strumenti finanziari sono solo sulle pagine dei giornali»

Miriam Di Peri

Lo scontro prosegue ancora una volta a mezzo social. Non c'è pace nella coalizione di governo, tra gli attacchi trasversali attorno al talk show di Massimo Giletti, su La7, e le frizioni sempre più forti in casa forzista. Il presidente dell'Assemblea Regionale, Gianfranco Miccichédifende l'istituzione e ricorda al governo che i collegati sono iniziativa dell'esecutivo (scagliandosi neanche troppo velatamente contro il forzista Gaetano Armao). Il governo ribatte. Qualche giorno dopo, in una intervista a La Sicilia Micciché rilancia la guerra alla demagogia: «La Regione non funziona perché non ci sono concorsi da troppo tempo, il funzionario più giovane ha 52 anni». La colpa? «Siamo governati da Giletti» è il Miccipensiero, secondo cui, appunto, la politica sarebbe troppo influenzata da un certo tipo di giornalismo che ha ancora il suo piglio nell'opinione pubblica. 

Il resto è scandito da due prime serate su La7, in cui il giornalista ribatte a Micciché, chiedendo man forte all'ex governatore, Rosario Crocetta e al deputato Udc Vincenzo Figuccia. Ma oltre gli scontri mediatici, i conti si fanno in Aula, dove lo scorso martedì è finalmente stato approvato il collegato, che contiene soltanto norme senza impegno di spesa, in attesa della parifica della Corte dei Conti, che potrebbe arrivare la prossima settimana. Le acque, nel frattempo, si sono calmate?

No. E a ricordare che lo scontro resta ancora in atto interviene ancora una volta il presidente dell'Assemblea Regionale, in una lettera aperta all'acerrimo nemico, Gaetano Armao, inviata ieri sera a mezzo social. «Egregio assessore Gaetano Armao - si legge -, mi chiedo quando porrà fine a questo bluff sui collegati. Come già comunicato in Aula nella seduta del 24 settembre scorso, ribadisco che i cosiddetti collegati non sono affatto frutto di alchimie assembleari, come lei continua a ripetere, ma sono stati pensati e voluti dal governo stesso, una precisa richiesta dell’esecutivo per consentire una rapida approvazione dei documenti finanziari principali ed evitare il ricorso all’esercizio provvisorio». 

«Non è certo colpa del Parlamento - prosegue l'atto di accusa di Micciché - se per approvare la legge di stabilità sono passati oltre otto mesi. Si assuma la responsabilità delle scelte compiute e la smetta con questa farsa, un gioco a scaricabarile che di fronte ai siciliani certamente non la deresponsabilizza. È la prima volta, nella storia di questa Assemblea, che ad ottobre inoltrato gli strumenti finanziari sono solo sulle pagine dei giornali. Infatti il rendiconto 2018 non è stato parificato dalla Corte; non sono stati presentati l’assestamento di bilancio, il consolidato 2018, la nota di aggiornamento al DEFR, ed infine l’elaborazione del bilancio di previsione 2020-2022, che ovviamente non potrà essere esitato entro il 31 dicembre, visto gli incredibili ritardi di tutti gli altri strumenti finanziari. Assessore, glielo chiedo a nome dei siciliani, si disconnetta da Facebook e si occupi un po’ di più del bilancio della Regione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews