Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mamma Eni chiamata a occuparsi dei rifiuti di Gela
Sindaco lancia società mista, ma l'azienda smentisce

Nella città che vive, nel bene e nel male, in simbiosi con la multinazionale, il primo cittadino Lucio Greco propone una nuova partecipata, metà pubblica e metà del colosso, che si occupi di raccolta rifiuti. «Eni sa fare impresa in maniera eccellente»

Jerry Italia

In una città che per decenni ha vissuto all'ombra delle ciminiere e che, per ogni questione da risolvere ha sempre chiesto l’intervento di Mamma Eni, capita anche che per dare una svolta alla gestione del servizio di raccolta rifiuti l’amministrazione bussi ancora una volta alla porta del Cane a sei Zampe. La novità è che stavolta Eni sembrerebbe decisa a non aprire

L’idea è partita dal sindaco Lucio Greco, per anni - prima di indossare la fascia tricolore - fiero oppositore dell’industria e soprattutto degli effetti del Protocollo di intesa del 2014 che sancì la fine dell’era industriale, con lo stop alla raffinazione del petrolio e l’avvio della bioraffineria. Durante un consiglio comunale monotematico, convocato d’urgenza per risolvere la crisi della Ghelas, l’azienda in house che si occupa della manutenzione e del verde, il primo cittadino ha lanciato la sua personale ricetta per salvare la Multiservizi del Comune. Creare una società partecipata mista, composta dalla municipalizzata e da Eni con la parte pubblica al 51 per cento, e quella privata al 49 per cento, in grado di gestire il servizio di raccolta dei rifiuti in città. «Un progetto sperimentale d’eccellenza», lo ha definito Greco, che in un sol colpo avrebbe risolto le criticità della Ghelas e avrebbe rilanciato il servizio di raccolta differenziata. Una proposta innovativa, che però è durata da Natale a Santo Stefano

A spegnere gli entusiasmi del primo cittadino ci ha subito pensato il Cane a Sei Zampe. I vertici di Eni sarebbero saltati sulla sedia alla notizia dell’uscita del sindaco e, prima in maniera ufficiosa e poi con un laconico comunicato di poche righe, hanno di fatto smentito qualsiasi tipo di interlocuzione con l’amministrazione. «Ad oggi non è stato presentato dal Comune di Gela alcun progetto inerente la gestione dei rifiuti o per la costituzione di società - ha scritto l’ufficio stampa dell’azienda - La raccolta dei rifiuti solidi urbani non ha mai fatto parte del core business dell’azienda», hanno poi aggiunto fonti interne al colosso industriale. 

Una smentita secca, quella di Eni, che ha fatto correre ai ripari il sindaco che in un comunicato diffuso appena 24 ore dopo l’annuncio, ha ridimensionato la proposta, parlando di «contatti interlocutori con i rappresentanti locali dell’azienda» e di «idea progettuale ancora in fase di studio». «Si è sempre parlato di un’idea in itinere - ha dichiarato il sindaco - da approfondire e valutare da un punto di vista tecnico e normativo. La normativa in materia di gestione rifiuti passa da una cornice regionale e nazionale. Confido che l’interlocuzione possa continuare. Eni sa fare impresa in maniera eccellente». 

Se Eni, come sembra dunque, non dovesse essere della partita, il sindaco non esclude di poter andare avanti con la sua idea progettuale. «Continueremo a lavorare in questa direzione - continua - Spero che al di là delle incomprensioni possa esserci un ripensamento anche da parte loro. Non è un caso che Eni sia impegnata in diversi progetti in materia di rifiuti. Credo si possa riprendere a dialogare». Nonostante le tiepide speranze del primo cittadino, però, almeno nel breve periodo, sembra difficile che il Cane a sei Zampe possa correre al capezzale di Ghelas.

Il progetto prospettato dal sindaco per ora si ferma qui. Le uniche reazioni registrate sono le critiche dell’opposizione che ha subito parlato di mosse amministrative fin troppo Enicentriche. Un’accusa che finora non ha mai risparmiato nessun’amministrazione da trent'anni a questa parte, in una città che, nonostante tutto, non riesce a tagliare il cordone ombelicale con Mamma Eni.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×