Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La marcia dei siciliani nelle praterie centriste
Tutti i big che puntano all'elettorato moderato

Musumeci rilancia il progetto del «buon governo di centrodestra» con Giovanni Toti. Figuccia, uomo di Cesa, per costruire la nuova Balena bianca, mentre Carlo Calenda si appoggia a Fabrizio Ferrandelli per la sua Siamo Europei

Miriam Di Peri

Se il panorama politico a livello nazionale è confuso, non va meglio voltandosi a guardare dalle parti dell'Isola. Iniziato un primo, flebile posizionamento dei renziani anche nell'Isola, sono tante le formazioni che a livello nazionale si stanno creando e che cercano sponda in Sicilia. È il caso del progetto politico che da un po' di tempo balena in testa tanto al governatore siciliano Nello Musumeci quanto al presidente ligure Giovanni Toti. E in molti non hanno visto come casuale il vertice (con tanto di post) tra i due rilanciato sui social network ieri sera. Il pretesto era il Salone Nautico di Genova. Una occasione per parlare di «portualità e vie del mare - ha scritto Musumeci sui social - che uniscono la Liguria e la Sicilia». 

«Abbiamo parlato - aggiunge il governatore - della possibilità di un evento nella nostra Isola per sostenere il settore e, ovviamente, abbiamo ragionato degli obiettivi comuni per rendere il centrodestra, che guida la maggior parte delle Regioni italiane, sempre di più il punto di riferimento dei territori e del buon governo». Un passaggio che in molti leggono come l'ennesimo mattoncino nella costruzione di una casa comune, che dialoga con tutto l'arco del centrodestra, dall'Udc alla Lega, individuando però ancora una volta nelle praterie centriste lo spazio politico nel quale gettare le fondamenta. Il progetto di Musumeci sembra lasciare perplessa almeno una fetta consistente del suo movimento, Diventerà Bellissima, già orientato su orizzonti più vicini alle parti di Pontida. Ma il governatore sarebbe sempre più convinto nel consolidamento di una forza politica che parta dal «buon governo del centrodestra» e sia radicato nei territori. 

Non è ancora chiaro in che modo si evolverà la «cosa europea» lanciata da Carlo Calenda, Emma Bonino e Matteo Richetti a Napoli il prossimo 21 ottobre. Quel che invece sembra evidente è che il pontiere dell'operazione in Sicilia sarebbe l'ex deputato regionale del Pd (ed ex candidato a sindaco di Palermo col centrodestra) Fabrizio Ferrandelli, che al momento «pur restando - precisa - nella segreteria nazionale di +Europa», sarebbe il riferimento di Calenda per la Sicilia.

Sogna una nuova Balena bianca il leader dell'Udc Lorenzo Cesa, che nell'Isola si è affidato a Decio Terrana, Vincenzo Figuccia, Danilo Lo Giudice e Cateno De Luca per costruire il nuovo volto delloScudo crociato, dove si danno in avvicinamento almeno altri due deputati regionali della Sicilia orientale. 

E allora il Pd? Quello resta il solito tetto comune sotto il quale convivono da separati in casa da una parte gli zingarettiani di Sicilia, e dall'altra i dissidenti guidati da Fausto Raciti, Giovanni Cafeo e Antonio Rubino. Anche in questo caso, sembra che qualche nuovo big in avvicinamento, dalle parte dei «quarantenni che vogliono ritentare la sommossa», ci sia. Ma è ancora presto per le conferme ufficiali.  

Infine Italia Viva di Matteo Renzi, partito un po' in sordina nell'Isola, ma attorno al quale si fa un gran chiacchiericcio. Alla luce dei primi passi che nel sottobosco, tra le prime foglie autunnali, sembra facciano piuttosto scrùscio. Dai ventilati movimenti degli autonomisti di Raffaele Lombardo (con tanto di smentita ufficiale dell'ex governatore), fino addirittura a qualche ex leghista ormai lontano dal Carroccio di Salvini. Qualcuno si spinge a ipotizzare movimenti anche dalle parti di Ora Sicilia di Luigi Genovese. Di certo al momento sono tutti con i pop corn in mano a osservare. Ma i ben informati sussurrano che, sgranocchiando, guardano tutti verso il nuovo progetto di Renzi.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews