Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Barrafranca, rissa a sprangate tra famiglie rivali
Dieci arresti, ci sono anche cinque pregiudicati

I carabinieri hanno eseguito dieci misure cautelari - quattro in carcere e sei ai domiciliari - per la rissa dello scorso 12 settembre a colpi di spranga e coltelli. Usata anche una pistola che si è inceppata evitando esiti fatali. Guarda le foto

Redazione

Si erano fronteggiati con spranghe di ferro, mazze da baseball, armi da taglio e persino una pistola. Una rissa finita con ferite e fratture per diversi partecipanti. Oggi i carabinieri danno un nome agli autori della violenta lite che si è consumata lo scorso 12 settembre a Barrafranca tra due famiglie rivali. 

Nella mattinata odierna, i militari della Compagnia di Piazza Armerina, con il supporto della Compagnia di Busto Arsizio, della Compagnia d’Intervento Operativo del 12° Rgt Sicilia e di personale del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno eseguito dieci misure cautelari, di cui quattro in carcere e sei agli arresti domiciliari, emesse dal Gip presso il Tribunale di Enna per i reati di rissa aggravata, lesioni personali aggravate, evasione, danneggiamento aggravato e porto illegale di armi e munizioni.

Salvatore Strazzanti

Andrea Ferreri

Giovanni Bellomo

Giuseppe Bellomo

Luigia Bellomo

La rissa del 12 settembre, risultato di un’escalation continua di violenza, ha visto anche un pregiudicato che sarebbe dovuto essere agli arresti domiciliari sparare con una pistola che, dopo il primo colpo, si è inceppata evitando esiti letali. Almeno cinque delle persone coinvolte nella rissa sono state costrette a ricorrere a cure mediche, a causa di numerose ferite e fratture di vario genere. Numerosi anche i danneggiamenti dei veicoli parcheggiati nei dintorni e usati quali mezzi per arrecare danni a cose e persone. 

Gli arrestati:

- Salvatore Strazzanti, 41 anni, residente a Barrafranca, pregiudicato, in atto sottoposto al regime di detenzione domiciliare;
- Luigia Bellomo, 35 anni, residente a Barrafranca, pregiudicata;
- Andrea Ferreri, 49 anni, residente a Barrafranca, pregiudicato;
- Giovanni Bellomo, 54 anni, residente a Cavaria con Premezzo (VA), pregiudicato;
- Giuseppe Bellomo, 56 anni, residente a Barrafranca, pregiudicato;
- F.C., 21 anni, residente a Barrafranca;
- M.D., 18 anni, residente a Barrafranca;
- D.M.S., 22 anni, residente a Barrafranca;
- D.M.M., 18 anni, residente a Barrafranca;
- B.S., 25 anni, residente a Barrafranca.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews