Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lavoro, in Sicilia 51mila occupati in meno in sette anni
Cgil: «Ma crescono il lavoro irregolare e gli infortuni»

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

In Sicilia diminuisce il numero degli occupati e aumenta in termini percentuali il lavoro nero e irregolare. Dal 2012 al 2018 si registrano 51.509 occupati in meno e il lavoro irregolare è cresciuto dal 19,5% al 21,2% (Italia al 13,3% al 13,4%). Alla crescita del lavoro irregolare si accompagna l'aumento degli infortuni sul lavoro, con un +0,5% tra il 2018 e il 2019 (primo semestre). Tra il 2016 e il 2017 gli incidenti mortali sono passati da 77 a 84. 

Sono dati diffusi dalla Cgil regionale che sull'argomento ha tenuto una conferenza stampa per illustrare le richieste del sindacato per "ripristinare la legalità nel lavoro". "In Sicilia - ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino - oltre al problema della mancanza di lavoro si palesa un problema di qualità del lavoro. Lavoro irregolare significa infatti lavoro sottopagato, mancato rispetto delle normative su salute e sicurezza, evasione contributiva e fiscale". 

A quest'ultimo proposito si stima che il mancato gettito a causa del lavoro nero sia di 3 miliardi l'anno. La Cgil chiede che venga potenziato il sistema dei controlli, "oggi - ha detto Franco Tarantino, del dipartimento salute e sicurezza del sindacato - inadeguato e sottodimensionato". Da qui l'appello del sindacato alle istituzioni a "ristrutturare la macchina ispettiva - ha detto Mannino - e a intervenire per favorire l'incrocio tra domanda e offerta nei luoghi pubblici, collocamento pubblico e centri per l'impiego". 

Secondo lo studio della Cgil, "occorrerebbero almeno 300 ispettori del lavoro (attualmente sono 94), incrementando i numeri anche degli ispettori Inail (dagli attuali 20 a 40) e Inps (da 103 a 200). Basti pensare - ha detto Tarantino - che in una provincia come Palermo gli ispettori del lavoro sono solo quattro. La Sicilia - ha rilevato - può contare oggi su 237 ispettori in tutto a fronte di 368.816 imprese attive. Se ne controllassero una al giorno, occorrebbero sette anni per controllarle tutte". 

"Si aggiunge- ha rilevato Franco Campagna, della Fp Cgil- l'elemento di demotivazione derivante da un sistema di incentivi molto lontano dagli standard nazionali". Allo stato attuale peraltro la Sicilia non è inclusa nel concorso nazionale per nuovi ispettori del lavoro.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews