Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tra i giovani di Musumeci in versione autonomista
«Noi stanchi delle urla di Salvini. E Stancanelli...»

«Il male peggiore dei siciliani è la rassegnazione, iniziata quando sono arrivati gli invasori, da ultimi i romani di nuova generazione». L'arringa autonomista del governatore riscuote applausi tra i giovani di DiventeràBellissima che approvano la svolta moderata

Salvo Catalano

«Lo so, dovremmo vederci più spesso, ma non riesco a lavorare più di 18 ore al giorno. Ho già perso cinque chili e non mi sento di potere andare oltre». Nello Musumeci arriva in ritardo all'abbraccio con i suoi giovani, quelli di Diventerà Bellissima, ma si concede con generosità in un lungo incontro che dura quasi tre ore. 

Il set scelto è il Lido Bellatrix, sulla scogliera tra Catania e Aci Castello. Ma il clima è lontano dalle feste estive dell'ex ministro Salvini. Ad attenderlo ci sono oltre duecento persone: giovani militanti e amministratori, sindaci del movimento ma non solo. C'è persino una squadra di calcio di bambini, il Viagrande. «Sì, lo so chi è Musumeci, me l'ha spiegato il mister», spiega uno di loro accovacciato in ascolto del presidente. Finito l'allenamento del pomeriggio, tutti a incontrare il governatore, di cui uno dei dirigenti della squadra, Simone Coco, è ammiratore e seguace. 

Poco più in là Giacomo Gargano, nominato da Musumeci presidente dell'Irfis, tiene in mano i pupazzi di Batman e Robin, mentre il figlioletto rimane in braccio alla mamma. «Da vent'anni faccio politica con Musumeci - spiega - siamo stati opposizione quando in Sicilia il centrodestra era al 70 per cento, perché abbiamo sempre mantenuto la nostra identità. Per questo adesso collocarci in schemi di potere è complicato». Nel pubblico è proprio questo il sentimento prevalente sul futuro di Diventerà Bellissima. «Noi siamo diversi dalla Lega - sottolinea Andrea Pignato, militante 24enne di Villarosa, provincia di Enna da cui sono arrivati in tanti - è stato un bene allontanarsi da Salvini». E anche da Fratelli d'Italia. «Tanto che Stancanelli non si vede più», aggiunge un altro militante, nominando l'innominabile europarlamentare catanese nello schieramento della Meloni, sbattendo la porta di Diventerà Bellissima dopo il diktat di Musumeci. «Che poi... - continua - non si capisce chi ha davvero scaricato chi». 

Vicino al bancone del bar, mentre sorseggia un mojito, un gruppetto di giovani messinesi la pensa allo stesso modo: «Sono tutti stanchi delle urla di Salvini ed è giusto guardare al centro. La politica di stile di Musumeci contro la politica urlata della piazza». «Forza Italia si sta squagliando - aggiunge un altro - Fratelli d'Italia è un partitino, c'è ampio spazio per conquistare i moderati». 

Voci di ortodossia musumeciana, che ricalcano i concetti che il governatore va predicando da quando il centrodestra si è ritrovato anche a Roma interamente all'opposizione. «Vogliamo essere un movimento autonomista nel centrodestra - ha ribadito Musumeci anche ieri sera - Noi siamo felici di poter far vincere il centrodestra in un'area, il Sud, dove i grillini hanno occupato posizioni che un tempo erano del centrodestra. È venuta meno, negli ultimi anni, la caratteristica di meridionalità delle forze storiche del centrodestra».

Al presidente i giovani pongono domande: la riforma della formazione, l'imprenditorialità giovanile, gli sporteli regionali per l'innovazione, i beni culturali. «Qual è il male peggiore della Sicilia?», gli chiedono. «Potrei rispondere la mafia, ma non è così - risponde - la mafia c'è solo da 180 anni. Ce n'è uno millenario ed è la rassegnazione. Prima non c'era, in Sicilia è iniziata quando sono arrivati gli invasori. Dai greci e dai fenici in poi. Alla fine sono arrivati i piemontesi e i romani di nuova generazione - e piovono gli applausi più convinti - e i siciliani non hanno più combattuto, convincendosi di poter vivere alla giornata». La campagna autonomista è appena iniziata.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews