Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lo stupro a Vittoria, Palumbo cambia penitenziario
Legale: «Ricorso al Riesame contro carcerazione»

L'avvocato Gianluca Nobile ha accettato l'incarico dato dalla famiglia del 26enne, che il 3 settembre è stato arrestato con l'accusa di avere violentato una giovane. Una vicenda che arriva a pochi mesi dalla condanna per un fatto simile accaduto l'anno scorso

Simone Olivelli

«Faremo ricorso al tribunale del Riesame contro l'ordinanza di custodia cautelare». A parlare è l'avvocato Gianluca Nobile, legale di Sergio Palumbo, il 26enne arrestato a Vittoria con l'accusa di avere rapinato e violentato per ore una giovane che si trovava all'interno della propria auto, una Fiat Punto, la notte tra il 2 e il 3 settembre. 

Nobile ha comunicato stamattina di accettare il mandato ricevuto dalla famiglia di Palumbo. «Ho parlato con il mio assistito, ma non posso dire altro se non che inoltreremo istanza al tribunale. Per la scarcerazione o per il passaggio ai domiciliari? Non è stato ancora deciso». Il 26enne, l'anno scorso, è stato arrestato e condannato in primo grado a quattro anni e otto mesi per una vicenda simile: il giudice ha ritenuto il giovane colpevole di avere abusato di una prostituta, dopo averla rapinata. Un incontro sessuale che si sarebbe trasformato in violenza, finché la vittima sarebbe riuscita a scappare. Al momento dell'aggressione di inizio mese, Palumbo aveva l'obbligo di dimora nel territorio del Comune di residenza. Misura che a suo tempo il giudice aveva ritenuto sufficiente, in vista dell'inizio del processo di secondo grado. 

Intanto il 26enne è stato trasferito dal casa circondariale di Ragusa al carcere di Caltagirone. Una decisione presa dal dipartimento di amministrazione penitenziaria per via del tipo di reato di cui è accusato. «A Caltagirone c'è una sezione protetta per i detenuti indiziati di reati sessuali - spiega Nobile -. Si tratta di una prassi, ed escludo che siano accaduti fatti specifici nei giorni scorsi».

«Siamo vicini alla giovane, la cui vita è stata irrimediabilmente segnata da uno dei reati più odiosi». Inizia così una nota dei commissari staordinari del Comune di Vittoria Filippo Dispenza, Giovanna Termini e Gaetano D’erba, subentrati alla guida dell'ente dopo lo scioglimento per mafia. «Un episodio esecrabile e devastante come questo richiede una ribellione corale da parte di tutta la città: la giovane vittima è figlia, sorella di ciascuno di noi, e nessuno può voltarsi dall’altra parte e fingere di non vedere l’orrore - proseguono -. Abbiamo il dovere civico e morale di contribuire, ognuno per la propria parte a riscattare la città di Vittoria da questa nuova onta». I commissari ripercorrono anche per i recenti fatti criminali che hanno riportato la città ipparina sulle pagine dei giornali. «La città non deve più essere ostaggio di questa protervia criminale - vanno avanti Dispenza, Termini e D'erba -. I cittadini perbene, che sono la stragrande maggioranza, devono assolutamente ribellarsi a questi gravissimi episodi di violenza e arroganza, manifestando apertamente solidarietà alla vittima della violenza sessuale, ma anche ai genitori di Alessio e Simone D’Antoni e all’uomo accoltellato da Rosario Greco. Recuperiamo serenità, dignità, credibilità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews