Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, indagato l'ex sindaco di Licata Angelo Graci
Avrebbe fatto da tramite con il deputato Pullara

Il suo nome era già emerso nelle intercettazioni dell'inchiesta Halycon, che ha coinvolto anche il funzionario regionale e massone Lucio Lutri. I magistrati lo accusano di essersi impegnato in favore di Giacomo Casa, uomo di fiducia del boss Giovanni Lauria

Redazione

Adesso è ufficiale. C'è anche l'ex sindaco Angelo Graci tra gli indagati dell'inchiesta Halycon, sul locale clan mafioso guidato dal boss Giovanni Lauria. A essere arrestato nella stessa operazione è stato anche il funzionario regionale del dipartimento all'Energia Lucio Lutri, già finito al centro dell'attenzione per essere a capo di una loggia massonica nel Palermitano. 

Stando alle ipotesi formulate dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Graci, che del centro dell'Agrigentino è stato sindaco dal 2008 al 2013, si sarebbe impegnato ad aiutare Giacomo Casa, uno dei presunti esponenti della cosca, a entrare in contatto con Carmelo Pullara, deputato regionale dei Popolari e Autonomisti, anche lui citato negli atti dell'inchiesta.

Graci è stato intercettato nell'ovile di Casa. In quella conversazione rivendica l'avere fatto da tramite con Pullara, per trovare un posto di lavoro ai figli dell'uomo vicino al boss Lauria. L'accusa per Graci è di favoreggiamento aggravato. «Ci ho parlato per il fatto dei vostri figli - dice Graci a Casa - Carmelo Pullara dice che voi siete in ottimi rapporti». Al che il secondo risponde: «Non ci siamo conosciuti mai, ma ora abbiamo rapporto buonissimi». Il desiderio del presunto esponente della cosca era non solo che venisse trovato un lavoro ai figli, ma che la sede fosse in Sicilia. «Gli dovete dire "Che fa? Ho i miei figli, glielo facciamo prendere questo coso?" Ma me li devi sistemare anche in Sicilia stesso o a Palermo o nella provincia di Agrigento o a Caltanissetta?», si legge nel decreto di fermo di fine luglio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews