Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Differenziata al 39,5% ma le grandi città restano indietro
Musumeci: «Dall'inizio del mandato crescita importante»

I dati riguardano i primi quattro mesi dell'anno. Fanno benissimo tanti piccoli centri. A Contessa Entellina, per esempio, si è arrivati al cento per cento. Meno sorrisi, invece, dalle Città metropolitane, con Catania che raggiunge appena il 13 per cento

Redazione

Sale al 39,5 per cento la differenziata in Sicilia. I dati, divulgati dalla Regione, riguardano i primi quattro mesi dell'anno, con aprile che rappresenta il picco. La crescita, dall'inizio della legislatura targata Musumeci, è di 17 punti percentuali. Il risultato è rivendicato dal governo regionale che sottolinea: «Tutto questo nonostante sequestri, guasti e problemi finanziari abbiano bloccato il funzionamento di diversi impianti che trattano l’umido, la parte più consistente della differenziata», si legge nella nota proveniente dagli uffici regionali.

Nel complesso si registra che un terzo dei Comuni ha raggiunto la soglia del 65 per cento fissata dall'Ue. Sul podio, nel mese di aprile, ci sono Contessa Entellina, in provincia di Palermo, con il cento per cento di differenziata; Calamonaci, centro dell'Agrigentino dove la differenziata è arrivata al 96,3 per cento; e Longi, nel Messinese, dove si è toccato il 92,4 per cento.

«È veramente motivo di legittima soddisfazione - dichiara il presidente della Regione Nello Musumeci - verificare che la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti in Sicilia cresce di mese in mese. Constatare che, in poco più di un anno e mezzo, abbiamo quasi raddoppiato lo scarsissimo dato del venti per cento, trovato al nostro insediamento, è la conferma - prosegue il governatore - che il percorso avviato dal mio governo, con la collaborazione di amministratori locali e cittadini, è quello giusto».

Il quadro complessivo viene tuttavia macchiato dai dati provenienti dai principali capoluoghi di provincia, da tempo vero tallone d'Achille, capaci - considerato il numero di abitanti che risiede in essi - di abbassare la media regionale. Infatti, se si escludono i casi di Ragusa, Trapani, Agrigento ed Enna, che ad aprile segnano il 71,4, il 66,8, 61,2 e il 50,8 per cento, il resto delle città si aggira ancora su percentuali medio-basse. Se Caltanissetta, tutto sommato è al 37,1 per cento, fanno molto peggio gli altri. Siracusa è solo al 23 per cento, mentre le Città metropolitane chiudono la speciale classifica: terz'ultima Messina con il 22,2 per cento, poi Palermo che non va oltre il 18,5 per cento. Chiude staccatissima Catania, dove ad aprile, nonostante qualche miglioramento, si è riuscito a differenziare soltanto il 13 per cento dei rifiuti. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews