Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, le vacanze dei deputati non sembrano essere finite
Commissioni sono in pausa anche per questa settimana

Non è ancora passata l'atmosfera delle ferie tra i corridoi del Palazzo, nonostante la lunga pausa. Fino al prossimo 10 settembre, intanto, non ci sarà alcuna attività parlamentare. E anche allora i lavori ripartiranno, sì, ma con lentezza

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

È stato un primo giorno di scuola a rilento, quello affrontato ieri dall’Assemblea regionale siciliana. Oltre un mese fa, infatti, il primo inquilino di sala d’Ercole aveva mandato tutti negli spogliatoi per via del mancato accordo sull’approvazione di due dei testi collegati alla Finanziaria, delegando alla commissione Bilancio il compito di fare sintesi e assicurando che l’attività sarebbe ripresa il 2 settembre. Una data che, alla fine del mese di luglio, sembrava lontanissima, ma che invece è arrivata, rivelandosi l’ennesimo nulla di fatto. 

Tra i corridoi, infatti, ad aggirarsi erano soltanto i funzionari intenti a raccontarsi le rispettive vacanze, mentre dei deputati neanche l’ombra, eccezion fatta per il pentastellato Salvo Siragusa, unico ieri mattina ad avere fatto capolino a palazzo. E mentre a livello nazionale rimangono in bilico le sorti del nuovo esecutivo e qualcuno è pronto a scommettere che l’accordo Pd-M5S possa trovare sponda anche a livello regionale, i diretti interessati storcono il naso. Anche se un avvicinamento, a dirla tutta, c’è stato, seppur dipeso da esigenze logistiche. Il gruppo parlamentare del partito democratico, infatti, ha dovuto temporaneamente fare i bagagli per via di alcuni lavori di manutenzione dell’ala del Palazzo che tradizionalmente ospita gli uffici. Così ecco che al momento i dem si sono sistemati nella sala rossa del piano parlamentare, di fronte le stanze del vicepresidente dell’Assemblea Giancarlo Cancelleri. Una casualità, certo, che però ha alimentato una buona quantità di ironia tra i corridoi dell’Assemblea. Non sono ancora alleati, insomma, ma intanto sono dirimpettai.

Però oltre le smentite ufficiali, qualcosa in effetti potrebbe muoversi sul fronte di un’intesa comune tra Pd e pentastellati. Intanto per riporre definitivamente in soffitta i collegati alla Finanziaria (mettendo in seria difficoltà la maggioranza di governo) e poi in vista del ddl di riordino in materia di urbanistica fortemente voluto tanto dal governatore Nello Musumeci quanto dall’assessore al Territorio Toto Cordaro. Un testo su cui Musumeci ha chiarito sin dalla sua presentazione che «non si tradurrà in un nuovo condono», ma che alleggerisce la posizione di chi ha, ad esempio, una veranda non in regola o una nuova camera in casa. Su questo non è da escludere che anche l’asse giallorosso siciliano possa fare fronte comune all’opposizione, magari con la benedizione dei giovani big siciliani che potrebbero assumere un ruolo da protagonisti nel nuovo esecutivo. Tra i nomi in lizza, infatti, ci sono anche quelli di Giancarlo Cancelleri, di Peppe Provenzano e di Erasmo Palazzotto.

Il palazzo dei Normanni, intanto, durante la pausa estiva è rimasto aperto per i turisti, che ne hanno potuto ammirare le bellezze indisturbati dall’attività parlamentare. Per la buvette, invece, orario continuato per tutto agosto fino alle 15, poi tutti al mare. Nell’arco dei 40 giorni di stop a farsi vivi tra i corridoi del Palazzo, soltanto i deputati questori, per assolvere ai compiti burocratici legati ai pagamenti degli stipendi. Per il resto, appunto, tutto tace. Nessuna commissione è stata convocata per questa settimana, mentre la prossima, che inizierà il 10 settembre, si riunirà l’Aula, ma all’ordine del giorno si legge solo un generico «comunicazioni», nonostante di ddl da esaminare ce ne sarebbero diversi. Il giorno successivo, mercoledì 11 settembre, tornerà a riunirsi la commissione Antimafia, che ha convocato in audizione il sindaco di Palermo Leoluca Orlando per un approfondimento sulla situazione della discarica di Bellolampo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews