Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani-Venezia: 0-1 al Provinciale
Secondo ko per la squadra granata

Altra sconfitta per la squadra di Baldini che dopo il ko di Ascoli cade anche in casa contro i lagunari. I siciliani restano a quota zero punti in classifica. Soltanto nella ripresa i granata hanno mostrato una reazione

Luca Di Noto

Seconda sconfitta consecutiva per il Trapani che dopo il ko all’esordio con l’Ascoli cade anche al Provinciale contro il Venezia. I granata restano dunque a quota zero punti alla seconda giornata. Un avvio non esaltante per la squadra siciliana che anche contro i lagunari ha mostrato pochi sprazzi di gioco, accusando il colpo dopo il vantaggio trovato dagli ospiti nel primo tempo. Soltanto nella ripresa la squadra di Baldini ha mostrato una reazione senza però riuscire a trovare il gol.

In avvio buona occasione per il Venezia con Bocalon, il cui destro a giro termina sopra la traversa. I granata provano a reagire con Jakimovski e Ferretti, che su suggerimento di Pettinari la mette a lato. La gara è abbastanza combattuta, al quarto d’ora lo stesso Ferretti ci prova con il mancino, ma la sfera termina di poco alta. Dieci minuti più tardi, gli ospiti passano in vantaggio: cross di Fiordaliso, Dini respinge male e Aramu prova il tiro che viene respinto da Fornasier e Bocalon si fa trovare pronto per insaccare. Alla mezz’ora, veneti vicini al bis con Capello, il cui colpo di testa su cross di Aramu termina di un soffio a lato. I siciliani appaiono in confusione e i lagunari sfiorano ancora il raddoppio con Bocalon: sugli sviluppi di corner, l’attaccante prende il tempo a Fornasier e la sfera finisce sulla traversa. Prima dell’intervallo, l’arbitro annulla un gol per fuorigioco allo stesso centravanti che aveva insaccato da pochi passi dopo un’azione orchestrata da Zuculini e Aramu.

In avvio di ripresa, Trapani pericoloso: colpo di testa di Pettinari e Lezzerini blocca in presa comoda e alta. I granata sembrano più in palla rispetto alla prima frazione di gioco e si fanno vedere in avanti un paio di volte con Nzola e Jakimovski. Tra i siciliani ci prova anche Aloi, il cui tiro dal limite scalda i guantoni del portiere lagunare. Le due squadre si studiano e col passare dei minuti i lagunari guadagnano qualche metro. Granata nuovamente pericolosi con Pettinari che però non riesce a concretizzare su un’azione cominciata da calcio piazzato. Gli arancioneroverdi si fanno rivedere in avanti al 75’ con il solito Bocalon che però si fa respingere la conclusione da Dini. Nel finale, il gioco è molto spezzettato per alcuni falli da una parte e dall’altra. All’84’ grande occasione per Golfo che su colpo di testa colpisce centrale e non impensierisce più di tanto Lezzerini, poi il Venezia si chiude in difesa e gestisce il minimo vantaggio.

Il tabellino

Trapani (4-3-3): Dini; Cauz, Pagliarulo, Fornasier, Jakimovski; Luperini, Colpani (46' Nzola), Aloi; Ferretti (62' Tulli), Pettinari, Scaglia (75' Golfo). A disp.: Carnesecchi, Stancampiano, Da Silva, Martina, Culcasi, Tolomello, Molinari, Cataldi. All. Baldini.

Venezia (4-3-2-1): Lezzerini; Fiordaliso, Modolo, Cremonesi, Felicioli; Maleh, Fiordilino, Zuculini (56' Lollo); Aramu, Capello (66' Montalto); Bocalon (86' Casale). A disp.: Bertinato, Pomini, Ceccaroni, Lakicevic, Caligara, Zigoni, Senesi, Di Mariano. All. Dionisi.

Arbitro: Camplone di Pescara (Rossi-Avalos); IV ufficiale Illuzzi.

Marcatori: 24' Bocalon

Note: ammoniti Cremonesi, Aloi, Luperini, Lollo. Spettatori circa 5.000.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews