Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Morto in Croazia, intossicato da monossido di carbonio
Restano in Rianimazione i bambini che erano sullo yacht

È stata l'autopsia a chiarire le cause della morte di Eugenio Vinci. Il manager originario di Sant'Agata di Militello era in vacanza con famiglia e amici. Nel gruppo anche il primo cittadino Bruno Mancuso: «Bisogna capire cosa non ha funzionato»

Marta Silvestre

Foto di: croazia.info

Foto di: croazia.info

È stata l'autopsia sul corpo di Eugenio Vinci, il manager 57enne originario di Sant'Agata di Militello (Messina) morto ieri mentre si trovava in vacanza in Croazia, a chiarire che si è trattato di una intossicazione da monossido di carbonio

L'imprenditore si trovava nel paese dei Balcani insieme alla compagna, ai due bambini di undici e cinque anni. Con loro in vacanza anche il sindaco del centro del Messinese Bruno Mancuso, sua moglie e un'altra coppia di adulti. Il gruppo aveva preso in affitto uno yacht da un'agenzia che si trovava fermo nel porto dell'isola di Hvar. «Noi adulti siamo ancora ricoverati in ospedale ma stiamo bene - dichiara a MeridioNews il primo cittadino di Sant'Agata di Militello - e, dopo l'ultima visita, ci hanno detto che dovrebbero dimetterci tra un'oretta». 

Restano critiche, invece, le condizioni dei due bambini che sono ricoverati in Rianimazione. «Per loro, i medici non hanno ancora sciolto la prognosi - continua Mancuso - e le loro condizioni vengono definite stabili». Dopo la notizia della morte del noto manager siciliano, si era subito parlato di una intossicazione. «Adesso, dopo l'autopsia di Eugenio è stato escluso che possa essere stato quello che abbiamo mangiato a cena». 

Il gruppo composto da otto persone, aveva consumato un pasto a base di cozze e molluschi in un noto locale del posto. «Dopo cena - ricostruisce il sindaco - siamo tornati sulla barca. I due che non hanno avuto nessuna conseguenza non sono rientrati subito in camera, ma sono rimasti un po' sul ponte». Lui e la moglie e anche la famiglia Vinci tornano, invece, nelle stanze. «Siamo stati come narcotizzati da questo gas, probabilmente quello dell'impianto di condizionamento - racconta - Eugenio probabilmente si è alzato perché stava male e ha provato a vomitare ma è caduto, forse svenuto». Sono circa le 10 del mattino quando la coppia che non è stata male, insospettita dal fatto di non vedere movimenti sulla barca, lo trova nel bagno, morto dopo avere sbattuto la testa nella vasca

«Gli altri tre adulti - continua il sindaco - ci siamo svegliati anche se eravamo storditi, invece i bambini anche al mattino non erano coscienti, come in uno stato di coma. Abbiamo chiamato i soccorsi che, fortunatamente, sono arrivati presto. I primi due giorni in barca è andato tutto bene. Sono cose che non dovrebbero mai succedere ma, adesso - conclude Mancuso - bisogna capire cosa non ha funzionato con molta probabilità nell'impianto di condizionamento e, se alla base, ci sia una scarsa manutenzione del mezzo che avevamo preso in affitto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews