Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, Salvini incontra i familiari dei cuginetti uccisi
Ministro ancora contestato: «Dolore non è propaganda»

Il ministro degli Interni stamattina è arrivato nel centro del Ragusano per parlare prima con i commissari straordinari che guidano il Comune e poi i parenti di Alessio e Simone D'Antonio, i bambini travolti a luglio dal suv guidato da Rosario Greco

Redazione

Contestazione anche a Vittoria per il ministro degli Interni Matteo Salvini. Il capo del Viminale, al centro dell'attenzione dopo la decisione di staccare la spina al governo nazionale, questa mattina è arrivato nel centro ipparino per incontrare i commissari straordinari che guidano il Comune dopo lo scioglimento per mafia e, nel contempo, fare visita ai parenti dei bambini travolti e uccisi a luglio dal pregiudicato Rosario Greco.

Il leader della Lega, già ieri al centro delle contestazioni a Catania e Siracusa, dopo avere incontrato il commissario Filippo Dispenza, si è diretto a casa dei familiari di Alessio e Simone D'Antonio. All'esterno dell'abitazione ad attenderlo un capannello di persone con indosso magliette bianche e uno striscione: «Sicuri di morire. Il dolore non è propaganda». 

Salvini, dal canto suo, ha accusato la città di omertà davanti ai fatti di luglio. «Mi meraviglio che questa città non abbia saputo rispondere con atti di legalità e di collaborazione - ha detto il ministro degli Interni - tenendo invece un profilo omertoso di fronte ad una tragedia del genere compiuta da un folle omicida, drogato che con un'auto potente andava a 160 chilometri all'ora in pieno centro». Il ministro ha poi specificato di avere incontrato i familiari dei bimbi nelle vesti di «padre», promettendo loro di chiamarli una volta a settimana. Nel corso della visita Salvini ha regalato ai parenti dei piccoli «due medagliette della Madonna di Medjugorje».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews