Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, il comizio di Salvini tra le proteste
Cori, cartelli e letture a pochi metri dal palco

Ultima tappa del ministro dell'interno con un comizio iniziato con oltre un'ora di ritardo. I manifestanti hanno urlato le loro ragioni, mentre la polizia li ha tenuti separati dal resto della piazza

Redazione

Non hanno smesso per un attimo di contestare: urlando, fischiando, leggendo davanti alla polizia che li separava dal resto della piazza le testimonianze dei superstiti dei campi di concentramento e poi quelle dei migranti torturati in Libia. A Siracusa il comizio serale di Matteo Salvini - ultimo atto della sua giornata siciliana che ha visto la tappa in spiaggia a Taormina e quella al Comune di Catania - si è svolto tra le proteste. 

Decine le persone che sono riuscite ad arrivare a pochi metri dal palco e lì hanno urlato tutti i motivi per cui Salvini nella loro città non era gradito. Non sono mancati momenti di tensione perché i contestatori si sono praticamente mischiati ai sostenitori, e un cordone di polizia in tenuta antisommossa ha tenuto separati i due gruppi. Ma non si sono registrate violenze.

Il comizio è iniziato con oltre un'ora di ritardo e si è svolto in un caos generalizzato. «Siete liberi di ospitare cento migranti a testa a casa vostra», ha detto Salvini ironico ai contestatori definiti «nostalgici della falce e martello», che lo hanno coperto di insulti. «Salvini fascista, historia docet», «olocausto mediterraneo» e «non si può abdicare all'umanità» sono alcuni dei cartelli esposti, accompagnati dai cori: «Ladro, ladro». 

Il ministro dell'Interno ha concluso il suo comizio a Siracusa mostrando il rosario stretto nel pugno e baciando un santino che gli è stato passato dal pubblico. Sono quindi iniziati i selfie con i molti sostenitori sul palco. «Se fate i bravi li faccio anche con voi», ha detto ironico ai contestatori.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews