Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Esposto di Open Arms a Procure di Roma e Agrigento
Richard Gere: «A bordo ho ascoltato racconti orribili»

Alla conferenza stampa dall'aeroporto di Lampedusa hanno preso parte anche Oscar Camps, fondatore Open Arms, Riccardo Gatti, presidente Open Arms Italia, e Chef Rubio (Gabriele Rubini), cuoco e fotografo

Redazione

«Abbiamo presentato un esposto alla Procura di Roma e a quella di Agrigento per verificare se tutto ciò non rappresenti una fattispecie di reato». A convocare i giornalisti all'aeroporto di Lampedusa, questa mattina, è stata una delegazione della Open Arms, che ha annunciato la denuncia. Presenti Oscar Camps, fondatore Open Arms, Riccardo Gatti, presidente Open Arms Italia, Richard Gere, attore e attivista per i diritti umani, e Chef Rubio (Gabriele Rubini), cuoco e fotografo.

L'attore hollywoodiano, raggiunto dagli insulti di numerosi utenti che in questi giorni hanno criticato la scelta di salire a bordo della nave per donare generi di prima necessità ai migranti e all'equipaggio a bordo, ha raccontato di essere arrivato a Lampedusa  spontaneamente. «Ero in vacanza a Roma - ha aggiunto - quando ho sentito dell'approvazione del decreto Sicurezza bis, quindi ho chiamato i miei amici dell'Open Arms e sono salito a bordo. A differenza di quello che dicono i politici, i governi e qualche giornale, la maggior parte dei migranti sono cristiani».

«Nonostante le difficoltà - ha aggiunto ancora l'attore statunitense -, abbiamo trovato una barca per portare le provviste alla Open Arms. Quando siamo arrivati l'acqua era molto mossa ed è stato difficile. Sulla nave c'erano 121 persone felicissime di vedere che qualcuno li aiutava. Già ero stato due o tre anni fa a Lampedusa a visitare gli hotspot, ho conosciuto di prima mano la situazione: si tratta di persone che hanno vissuto storie orribili, hanno sofferto moltissimo, li chiamano migranti ma sono rifugiati che hanno bisogno di aiuto. Ho deciso di venire in 10 minuti, ho raggiunto degli amici che stavano per mettersi in viaggio, volevamo dare una mano».

«Hanno tutti - prosegue il racconto dell'attore - toccato il mio cuore. Ho parlato con un gruppo di donne sulla nave: una nonna, con la figlia e i nipotini e la loro storia è orribile. Hanno minacciato di fare del male al resto della famiglia se la mamma dei bambini non si fosse concessa sessualmente più volte e lei si è sacrificata».

Alle domande dei cronisti a proposito del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e del decreto Sicurezza bis, Gere ha tagliato corto: «Non sono interessato a Salvini, i politici invece di aiutare queste persone le demonizzano e questo deve finire e può finire se lo facciamo finire noi. Il mio unico interesse è aiutare questa gente. Basta».

«Non sono italiano - ha aggiunto - e sono restio a parlare della situazione politica italiana odierna. Anch'io vengo da un Paese dove la situazione politica è bizzarra e dove viene demonizzato chi arriva dal Messico, da El Salvador, da Panama, dall'Honduras. Sembra che ci sia una generazione di politici che mette la propria energia nel dividere le persone, come se nel dividere ci fosse del guadagno, che è una cosa idiota. Ma siamo tutti interdipendenti».

Infine l'appello: «Deve essere interrotta - ha detto il protagonista di Ufficiale e gentiluomo - questa situazione di stallo della Open Arms, adesso. A bordo la situazione è grave, ci sono persone che vivono ammassate tra di loro e se la condizione non è peggiore, è grazie ai volontari della nave».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews