Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, le rubano la borsa mentre è in macchina
Prima di fuggire la fanno cadere a terra, arrestati

Alberto Sansica (classe 1995) e Ala Rhouma (classe 1994) sono stati individuati come gli autori della rapina a una giovane trapanese alla fine dello scorso maggio in pieno centro storico. Ora si trovano rispettivamente ai domiciliari e in carcere. Guarda le foto

Redazione

Nel pomeriggio del 6 agosto, la polizia di Stato ha dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip di Trapani nei confronti di Alberto Sansica (classe 1995) e del tunisino Ala Rhouma (classe 1994), i quali, a seguito di un’incisiva indagine condotta dalla sezione delitti contro il patrimonio e la pubblica amministrazione della squadra mobile di Trapani, sono stati individuati come gli autori di un rapina impropria subita da una giovane trapanese alla fine del maggio scorso. 

Alberto Sansica

Ala Rhouma

I poliziotti hanno accertato che, mentre la vittima si trovava sull’autovettura di un’amica, in sosta nella via Ammiraglio Statiti, Rhouma si intrufolava nell’abitacolo per sottrarle la borsa; quindi, al fine di vincerne la resistenza, la faceva cadere a terra con un violento spintone, dandosi alla fuga per le vie del centro. Durante la rapina, il tunisino poteva contare sulla complicità di Sansica, che gli faceva da palo a pochi metri di distanza. 

Invero, la visione degli impianti di videosorveglianza installati lungo il tragitto ha permesso di ricostruire l’intero episodio criminoso, di identificare gli autori del crimine e di documentarne la fuga con la borsa al seguito. Nei confronti di Sansica, che è gravato da innumerevoli precedenti per reati contro il patrimonio, il giudice ha disposto gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, mentre per Rhouma - già ristretto presso la casa circondariale di Trapani per altra causa - è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

(Fonte: polizia di Stato di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews