Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Legami tra massoneria e pubblica amministrazione
Da settembre una nuova indagine per l'Antimafia

L'annuncio questo pomeriggio all'Assemblea regionale, al termine dell'audizione del dirigente Tuccio D'Urso, «per comprendere - ha detto Fava - questo intreccio, che è diventato un tema ricorrente nelle cronache della Sicilia»

Miriam Di Peri

Prima di andare in vacanza, la commissione Antimafia all'Assemblea regionale annuncia che alla ripresa dei lavori avvierà una nuova indagine conoscitiva sui rapporti tra mafia, pubblica amministrazione e massoneria. L'indagine parte da quanto emerso dalle cronache negli ultimi mesi, ma anche da una notizia pubblicata su Meridionews tre anni fa in cui si raccontava di alcuni documenti ritrovati in un cassonetto e che rivelavano che l'allora neonata loggia massonica Pensiero e Azione del funzionario regionale Lucio Lutri.

Così dopo l'arresto del dirigente regionale, avvenuta ieri nell'operazione condotta dai carabinieri che ha portato a sette arresti, la commissione ha ritenuto di sentire oggi l'ingegnere Tuccio D'Urso, dirigente del dipartimento regionale dell'Energia, «per comprendere - ha detto Fava - questo intreccio tra mafia, massoneria e pubblica amministrazione che è diventato un tema ricorrente nelle cronache della Sicilia». 

Dunque una nuova indagine, dopo quelle già concluse sul Borsellino quater e sul sistema Montante, per indagare sulle eventuali interferenze della massoneria nella pubblica amministrazione. «A settembre inizieremo una serie di audizioni - ha aggiunto - sul tipo di interferenza che si è determinata nel corso degli anni nell'attività amministrativa. La procura dice che Lutri era a disposizione, cioè metteva a disposizione la sua persona e l'amministrazione di appartenenza. Quindi, la prima domanda è capire quanto l'obbedienza massonica, quel vincolo di condivisione, partecipazione e comune obbedienza abbia potuto interferire e interferisca sulla macchina regionale. Inoltre - ha proseguito Fava - occorre capire quali siano gli ambiti istituzionali attraversati dall'obbedienza, e quanto sia stata reticente l'istituzione regionale rispetto alla vicenda legata a Lucio Lutri».

L'occasione è stata utile anche per annunciare che a settembre verrà presentata la relazione conclusiva sul caso Antoci (sono in dirittura d'arrivo anche le indagini su Girgenti acque e sul mercato di Vittoria), mentre Fava non esclude che un nuovo filone d'inchiesta possa avviarsi attorno al ruolo dei facilitatori emerso dall'inchiesta su Arata: «Nella confusione di ruoli - ha sottolineato - il meccanismo che si sarebbe innescato, del tutto contrario a ciò che la legge prevede, sarebbe quello che vede alcune imprese, in condizione di realizzare gli impianti, penalizzate da imprese civetta, prestanomi, facilitatori che non sono in grado di realizzare impianti, ma vendono chiavi in mano sia il terreno, che l'impianto autorizzativo concluso, guadagnando anche 30 volte il prezzo iniziale del terreno. Lo stesso ingegnere D'Urso - ha concluso Fava - ha detto all'Antimafia che si tratta di un giro d'affari che vale più del traffico di cocaina».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews