Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Legge elettorale, presentata all'Ars nuova riforma
Forza Italia: «Stop ai ballottaggi nelle grandi città»

Nella nuova proposta avanzata dai berluscones, spazio anche a una revisione delle quote rosa, con l'innalzamento dell'alternanza di genere ai tre quarti del totale dei candidati nel caso in cui un numero cospicuo di uomini (o di donne) si rivelino più meritevoli

Miriam Di Peri

L'Ars discute ancora dei disegni di legge collegati alla Finanziaria, ma tra le proposte normative depositate in questi giorni ecco fare capolino una nuova riforma elettorale. A proporla è il capogruppo forzista Tommaso Calderone, che parla di «necessità per rendere il sistema più conforme alla volontà popolare, oltre che a evitare opinabili accordi prima delle operazioni di voto». Al centro del nuovo sistema proposto dai berluscones per la Sicilia trova spazio l'abolizione dei ballottaggi nei Comuni sopra i 15mila abitanti. Una proposta che farebbe sorgere più d un sospetto rispetto alla possibilità che il nuovo sistema elettorale possa penalizzare i 5 Stelle, che di norma alle amministrative portano a casa il risultato proprio nello scontro diretto tra due candidati alla carica di primo cittadino. 

«Risulterà essere eletto sindaco - precisa Calderone - chi avrà riportato il maggior numero di voti nell’unico turno elettorale senza, appunto, la necessità di passare dal ballottaggio. Questo renderà più lineare la competizione elettorale, evitando inconcepibili accordi tra candidati perdenti che porterebbero al tradimento della volontà popolare. Non è raro il verificarsi di situazioni in cui i candidati sindaco risultati vincenti al primo turno vengano a trovarsi perdenti a seguito del ballottaggio».

Novità anche sul fronte delle quote rosa, spesso considerate un limite dalla politica. La nuova legge elettorale propone infatti di innalzare a tre quarti del totale dei candidati l'alternanza di genere in virtù della qualità di candidature di alto profilo. «La qualità dei candidati che magari sarà superiore per un genere o per un altro - spiega ancora Calderone - non può essere sacrificata dal dato numerico, ovvero ai due terzi dei componenti della stessa lista. Chiediamo che la percentuale sia aumentata a tre quarti. In particolare se ci saranno più donne o uomini da candidare per i loro meriti, non dovranno essere sacrificati sull’altare di uno sterile dato numerico, del resto la norma non prescrive che tre quarti devono appartenere a un genere e un quarto ad altro genere in via necessaria, ma si limita a preservare una percentuale a un genere o all’altro». 

«Infine – conclude Calderone – la legge attuale intende premiare il sindaco cosiddetto perdente attribuendogli un seggio di consigliere comunale, purché abbia conseguito il 20 per cento dei suffragi. Tale norma però premierebbe un cittadino che per il ruolo di consigliere comunale non è stato né votato né eletto dal popolo e si risolverebbe in una sorte di premio di consolazione. Una beffa perché in sostanza si sottrae un seggio ad altro cittadino candidato, risultato invece votato dagli elettori ma che andrebbe a rivestire il ruolo non certo gradevole di primo dei non eletti. Ecco perché non essendoci norme che vietino al candidato sindaco di candidarsi anche al consiglio comunale, con questo disegno di legge vogliamo tutelare anche chi in tal senso non subirà penalizzazione a causa del seggio attribuito al cosiddetto sindaco perdente».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews