Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Saline Priolo, dopo il rogo ecco il piano per ricostruire
Il direttore: «Necessari interventi per 450mila euro»

Venti giorni fa le fiamme hanno devastato 50 ettari di vegetazione. Domani in commissione Ambiente all'Ars ci sarà un incontro tra i soggetti interessati. «Tre step per renderla di nuovo fruibile», spiega a MeridioNews il direttore Cilea. Guarda le foto

Marta Silvestre

Foto di: Fabio Cilea

Foto di: Fabio Cilea

Priolo non è più solo la «città delle industrie», ma negli ultimi anni è diventata anche quella dei fenicotteri rosa. «Mi piange il cuore a vedere così la riserva, se potessi la riaprirei già domani mattina ma ci sono questioni di sicurezza e di burocrazia che vanno rispettate», dice a MeridioNews Fabio Cilea, direttore della Riserva naturale orientata Saline di Priolo.

L'area, lo scorso 10 luglio, è stata distrutta da un vasto incendio. Adesso, si pensa già alla riqualificazione e alla fruizione del sito. Da un lato, con i volontari che si sono organizzati per ripulire dai rifiuti che si erano accumulati e, dall'altro, con la convocazione per la mattinata di domani di una seduta in commissione Ambiente all'Ars richiesta dal deputato siracusano del Pd Giovanni Cafeo

«Un impegno da parte della politica nella direzione della ricostruzione post-incendio della riserva», commenta Cilea che è stato invitato direttamente dalla presidente della commissione Giusy Savarino. Insieme a lui, a essere auditi saranno tutti i soggetti interessati al destino della riserva: il coordinatore del comitato Amici della Riserva naturale di Priolo Alessandro Biamonte, il direttore generale Erg Power generation Srl Giancarlo Bellina, il direttore generale della Isab Lukoil Srl Durov Oleg, il direttore Enel di Augusta Michele Vinci, il direttore della Versalis Spa di Priolo Giorgio Tuccio, il direttore della Sonatrach Raffineria Italiana Srl Rosario Pistorio e il direttore della Sasol Italy Spa Sergio Corso

L'idea sarebbe quella di elaborare una strategia comune per snellire e semplificare l'iter burocratico e gli interventi e, al contempo, trovare le risorse necessarie per rendere di nuovo fruibile il sito naturalistico. «Dai preventivi che siamo riusciti a elaborare in questi giorni - annuncia Cilea - siamo consapevoli che per riaprire la riserva sono necessari circa 450mila euro che servirebbero soprattutto per la ripiantumazione della flora e per la ricostruzione dei casotti». Le fiamme hanno devastato 50 ettari di bosco, molta vegetazione, i percorsi costruiti e i capanni di osservazione. «Per rendere fruibile di nuovo il sito, abbiamo cominciato a lavorare su due fronti - spiega il direttore della riserva - da una parte sulla quantificazione del danno e, dall'altra, sull'impostazione dell'iter burocratico da seguire». 

Per rimettere in sesto quello che a più riprese è stato definito il «polmone verde di Priolo», Cilea ha previsto tre step di interventi che domani porterà sul tavolo della commissione dell'Ars. «Innanzitutto bisogna partire da ciò che si è salvato, cioé il capanno numero tre e il mulino. Per rendere fruibile almeno questo primo sentiero della riserva, è necessario tagliare gli alberi carbonizzati che, al momento, costituiscono un pericolo perché con il vento potrebbero cadere». Un intervento a medio termine permetterebbe di riaprire una parte un po' più vasta dell'area. «Per questo - aggiunge - bisogna ricostruire il capanno numero uno e un ponticello che collega tra loro due sentieri».

Lo step più corposo e costoso impone infine la risistemazione del viale delle Tamerici e del capanno di osservazione più importante. «Nel caratteristico tunnel di alberi alcuni germogli sono già rinati - fa notare Cilea - La fase più importante sarebbe ricostruire il capanno di osservazione che rappresenta la punta di diamante di tutta la riserva: la palafitta costruita sull'oleodotto che permette di guardare da vicino i fenicotteri». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews