Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Catania-Ragusa, il governo nazionale rinvia ancora
Conte chiede altri 7 giorni per la trattativa con Sarc

Resta deluso chi si aspettava dalla riunione del Cipe di oggi risposte sul futuro dell'infrastruttura. Il premier prova a rassicurare sui tempi e Toninelli parla di «serrata trattativa» col privato. Ma Musumeci non si fida

Salvo Catalano

Foto di: Pagina Facebook Nello Musumeci

Foto di: Pagina Facebook Nello Musumeci

«Presidente Musumeci, le do la mia parola che la prossima settimana ci sarà una nuova riunione del Cipe per procedere con l'autostrada Ragusa-Catania». Parola del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

L'attesa riunione del Cipe di stamattina si è risolta con un altro rinvio. L'ennesimo, anche se a stretto giro. Lungo l'elenco delle infrastrutture all'ordine del giorno del comitato, «ma la Catania-Ragusa è quella che ha preso più tempo di tutti, dieci minuti», precisa il sindaco del capoluogo ibleo, Giuseppe Cassì, presente all'incontro. La delegazione siciliana era guidata dal presidente della Regione Nello Musumeci. Insieme a lui gli assessori Marco Falcone e Ruggero Razza. Dall'altra parte del tavolo il gotha del governo nazionale: il premier Conte, i ministri Matteo Salvini e Danilo Toninelli. 

Ci si aspettava di sapere l'esito della trattativa con la Sarc, il privato titolare della concessione per progettare, realizzare e gestire la Catania-Ragusa. Un'impostazione, quella del project financing (opera da fare metà con soldi pubblici e metà con fondi privati), che però non sta bene al governo gialloverde. Toninelli da alcuni mesi ha indicato la nuova via: realizzarla interamente con fondi pubblici. Evitando così agli utenti di dover pagare un pedaggio di dieci euro per tratta, come invece è previsto dal progetto privato. 

Per farlo serve trovare un accordo con la Sarc e da settimane ci sarebbe una delicatissima trattativa in corso che rischia di costare moltissimo allo Stato. Ma chi si aspettava risposte da oggi è rimasto deluso. «Prendo atto - ha commentato Musumeci - dell’impegno formale assunto dal capo del governo. Ma resto diffidente sul celere e positivo epilogo di questa allucinante vicenda. La prossima settimana saremo di nuovo al Cipe e valuteremo quanto l’impegno del premier si tradurrà in azioni concrete. In ogni caso, affidare l’opera all’Anas ci sembra la scelta meno rapida. Vedremo nei prossimi giorni ma non daremo tregua!». Parole più dure sono invece riservate al ministro Toninelli: «Prende tempo e non riesce a dare alcuna risposta. Viene in Sicilia solo per fare bassa cucina politica, continua a provocare e a insultare il governo regionale, non s'è ancora rassegnato alla sconfitta in Regione. Nessuno gli ha spiegato che la competenza sulle strade ce l'ha lui. Strade che sono in uno stato di assoluto abbandono». 

Il governo nazionale ha preso ancora tempo, rinviando al prossimo Cipe tra martedì e mercoledì prossimo. A supporto delle rassicurazioni di Conte sono arrivate anche quelle del ministro dell'Economia Giovanni Tria che ha annunciato l'impegno del suo dicastero a prendersi carico dell'intero sforzo economico. Ma al momento non esistono indicazioni chiare su quali saranno le fonti di finanziamento a cui attingere per coprire interamente gli 800 milioni di euro necessari. 

«Il ministro Toninelli - ricostruisce il sindaco di Ragusa, Cassì - ha parlato di una trattativa serrata per cui è ottimista. Riferisce di una soluzione, positiva o negativa che sia, che arriva a stretto giro. Io prendo atto del sereno ottimismo che si respirava oggi, ma - conclude - finché non c'è il risultato non dico niente».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews