Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti e sigarette dalla Tunisia a Marsala, 8 arresti
Sbarchi fantasma con i gommoni pianificati in Sicilia

Quattro italiani e quattro tunisini sono stati arrestati dalla Finanza. A capo del gruppo ci sarebbe Angelo Licciardi. Ai migranti il viaggio sarebbe costato da 1500 a 4mila euro. Mentre le stecche avrebbero fruttato guadagni per 25mila euro a viaggio

Salvo Catalano

Un'associazione a delinquere ben organizzata in Italia, con base a Marsala, per far arrivare migranti e sigarette di contrabbando dalla Tunisia. L'ha scoperta la guardia di finanza che ha disposto misure cautelari per otto indagati, quattro italiani e quattro tunisini, accusati di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di sigarette. 

L’operazione - coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo - ha portato a individuare almeno cinque sbarchi fantasma sul litorale tra Marsala e Mazara del Vallo. A organizzare tutto sarebbero stati due italiani e un tunisino: i marsalesi Angelo Licciardi, con precedenti per contrabbando, Giuseppe Vasile e Nizar Zayar. I tre sono stati portati in carcere. 

Licciardi avrebbe tenuto la gestione contabile dell'associazione, provvedendo alla ripartizione degli utili e all'acquisto dei gommoni veloci per la traversata, mezzi in genere di circa sette metri e mezzo di lunghezza, reperiti in Italia ed equipaggiati con motori potenti (da 225 a 300 cavalli), con cui fare le traversate nell'arco di una nottata. A fornire uno dei gommoni sarebbe stato il trapanese Sergio Carpentieri, finito agli arresti domiciliari. L'uomo avrebbe pure aiutato gli altri membri del sodalizio nelle fasi successive allo sbarco.

Una volta a Marsala, infatti, il gruppo avrebbe continuato le sue attività, potendo contare anche sulla figura di Giuseppa Randazzo, titolare di un omonima ditta individuale e rappresentante legale di una società cooperativa agricola, finita agli arresti domiciliari. La donna avrebbe assunto per finta i migranti con un duplice obiettivo: consentire a loro di ottenere e rinnovare il permesso di soggiorno per motivi di lavoro e percepire indebite indennità di disoccupazione agricola a danno dell’Inps.

Altri tre tunisini, pure loro finiti in carcere, avrebbero pensato a procacciare i migranti, chiamati «agnelli» nelle intercettazioni telefoniche, e le sigarette in Tunisia, svolgendo anche le mansioni di scafisti dalle coste nordafricane a quelle siciliane. In ogni gommone sarebbero entrati tra i 250 e i 300 chili di sigarette e tra le dieci e le dodici persone che viaggiavano a volte sotto la minaccia di coltelli e pistole. Ognuno di loro avrebbe pagato da tremila a ottomila dinari tunisini, cioè tra i 1500 e quattromila euro. A cui aggiungere il profitto derivante dalle sigarette importate di contrabbando: per ogni stecca quasi 20 euro di guadagno, essendo comprata a sei-sette euro in Tunisia e rivenduta in Italia a 25-28. Ogni viaggio consentiva di portare mediamente 1.250-1.500 stecche, con un ulteriore guadagno per l’organizzazione di almeno 25mila euro a viaggio. 

Durante le indagini sono stati arrestati in flagranza di reato, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sei scafisti, e sono stati sottoposti a sequestro 990 chili di sigarette e tre gommoni. Non è emerso nessun contatto con la criminalità organizzata. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews