Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Raffineria, Goletta Verde a Gela incontra il nemico Eni
Syndial: «Il territorio bonificato non prima del 2050»

Arriva la carovana di Legambiente che siede allo stesso tavolo della multinazionale per un confronto fatto di bastone - «Gela è come Taranto, ma dimenticata» - e carota - «bene la riconversione ma senza olio di palma». A tenere banco anche il tema delle bonifiche

Jerry Italia

Goletta Verde sbarca a Gela, ma nella città del «porto che non c’è» perché insabbiato da decenni, la carovana di Legambiente è costretta ad approdare qualche chilometro più a Est, al Porto Isola della Raffineria Eni, il nemico pubblico numero uno con cui gli ambientalisti si sono poi confrontati qualche ora dopo nel dibattito pubblico organizzato presso la Pinacoteca Comunale.

La tappa gelese è stata fortemente voluta dal presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani, che da tempo ha puntato i riflettori su una città pesantemente ferita dall’inquinamento industriale e che ora sta attraversando la fase della riconversione Green.

Presenti al dibattito presso quella che una volta fu l’aula bunker del Tribunale di Gela, oggi trasformata in sala convegni e pinacoteca, i vertici di Raffineria e Syndial e i rappresentanti di Arpa Sicilia e Asp, oltre che il padrone di casa, il sindaco Lucio Greco.

L’atmosfera si surriscalda sin dall’inizio quando, dopo i saluti del primo cittadino, prende la parola proprio il presidente di Legambiente che parla di Gela come una città «sfortunata» rispetto ad altre realtà industriali: «Si parla spesso di Taranto e dell’Ilva – ha detto Ciafani – ma Gela non è sicuramente da meno, anche se non ha ricevuto le stesse attenzioni dalla magistratura, dalle istituzioni e dai media».

E poi la stoccata sui danni creati dall’industria negli ultimi 50 anni, partendo dai dati sconfortanti pubblicati dal recente rapporto Sentieri: «I dati su Gela sono impressionanti – ha spiegato Ciafani – I disastri combinati sul territorio e le malformazioni sono ferite tuttora aperte. Noi non siamo contro l’industria, ma abbiamo sempre chiesto invece di bloccare le fonti di inquinamento. Da qualche parte bisogna pur cominciare».

Il riferimento di Ciafani al rapporto Sentieri si fa ancora più evidente quando vengono esposti i numeri. Malformazioni agli organi genitali (le cosiddette ipospadie) e altre malattie come asma, tumore ai polmoni, allo stomaco e al colon-retto sono solo alcune delle patologie che, con un’incidenza più alta rispetto alla media nazionale, colpiscono gli abitanti di Gela. In media quasi il 15% in più rispetto al resto d’Italia.

Ma oltre al bastone, Legambiente offre ad Eni anche la carota, anche se con riserva. Ciafani dice sì alla green refinery, che ad ottobre dovrebbe essere operativa, purché però il cane a sei zampe rinunci ad alimentarla con olio di palma. «Avremmo preferito che 1,2 miliardi venissero investiti sul lato green e non su quello della ricerca di idrocarburi, che è invece il passato - ha proseguito – ma la riconversione è comunque un importante primo passo».

Non ci sta però il presidente di Raffineria di Gela Francesco Franchi a passare come il capro espiatorio, causa di tutti i mali: «Siamo perfettamente consci di quanto accaduto in passato - ha detto - e siamo attenti all’economia circolare, ma non siamo un ente di beneficenza e dobbiamo anche pensare ai profitti per garantire gli oltre 70mila posti di lavoro che Eni ha dato in questi anni. Quando iniziammo l’attività - continua Franchi - era il periodo del boom economico e non c’erano le stesse conoscenze in tema di tutela ambientale. Noi ci siamo e ci mettiamo la faccia. Stiamo lavorando per industria sempre più eco compatibile. Altri 330 milioni di euro sono destinati al bio refining e 25-30 milioni alle biomasse per sostituire l’olio di palma».

Poi il grande tema delle bonifiche che, come confermato anche dai vertici Syndial vanno a rilento: «Ci vogliono i decreti ministeriali per ogni singola bonifica e i tempi sono lunghi – dicono – anche se negli ultimi dieci anni abbiamo già investito oltre 900 milioni per le bonifiche. In molti interventi stiamo adottando tecniche sperimentali ma i tempi rimangono purtroppo molto dilatati, ed è difficile ipotizzare un territorio interamente bonificato prima del 2050».

Al momento sono due gli interventi in atto, come confermato da Arpa Sicilia. Uno è la bonifica della falda a Est dell’impianto che si estende lungo la costa di Bulala per eliminare la presenza di benzene, mercurio e arsenico, solo alcune delle sostanze tossiche, collegate a numerose patologie, che negli anni hanno di molto superato le concentrazioni limite previste dalle normative vigenti nei suoli e nelle falde dell’area del Sin. E poi c’è il completamento della bonifica del cosiddetto Black Hole, la vasca A zona 2 della raffineria di Gela per la quale appena lo scorso anno il Tribunale di Gela pronunciò una sentenza di assoluzione per i quattro imputati, finiti sotto accusa sei anni fa per presunte irregolarità nella gestione.

Industria e bonifiche, due facce di una stessa medaglia per una città che ancora oggi paga un prezzo altissimo all’altare dell’industrializzazione, mentre si continua a cercare equilibrio tra lavoro e salute ancora lontano da raggiungere.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews