Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, pregiudicati presi mentre svaligiano ferramenta
«Ho trovato merce a terra, la stavo portando alla polizia»

La polizia arresta ladri d’appartamento - già noti alle forze dell'ordine - colti in flagranza e restituisce oltre 10mila euro di refurtiva al proprietario. Uno dei due ha tentato di giustificarsi con una scusa surreale

Redazione

La polizia – squadra Mobile e commissariato di Vittoria – ha arrestato i pluripregiudicati vittoriesi Franco Cancelleri di 62 anni (noto alle forze dell'ordine per furto e porto abusivo di armi) e Giuseppe Rovetto di 58 anni (già conosciuto alla polizia per associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti e omicidio doloso) per furto in abitazione e ai danni di una ferramenta.

La notte tra sabato e domenica, i due si sarebbero organizzati per svaligiare le abitazioni, ma gli uomini della squadra mobile e del commissariato di Vittoria - impegnati in servizi per la repressione dei furti in appartamento così come voluto dal questore Salvatore La Rosa - li hanno colti in flagrante. 

Considerato che erano le 4 del mattino e la ferramenta appena svaligiata doveva essere chiusa, il comportamento ha destato sospetto e gli agenti di polizia si sono avvicinati lentamente e in silenzio potendo agire in abiti borghesi. Alla richiesta di documenti uno dei ladri si è dato alla fuga, che è durata poco, mentre l’altro è stato subito bloccato.

Uno dei due, nonostante l’evidenza dei fatti, ha dichiarato di aver trovato la refurtiva a terra e che stava provvedendo a portarla al commissariato di polizia. Una versione subito smentita dai controlli: i due ladri in realtà avevano prima svaligiato la casa del proprietario della ferramenta e poi avevano continuato il furto nel sottostante esercizio commerciale portando via merce per il valore complessivo di oltre 10mila euro. I ladri avrebbero forzato una finestra per accedere in casa e dopo aver preso oggetti in oro e soldi in contanti hanno raggiunto al piano di sotto la ferramenta portando via tutto ciò che sono riusciti a caricare in auto. 

Ieri mattina l’arresto è stato convalidato ed il Giudice ha disposto che entrambi restino in carcere in attesa delle successive fasi processuali. Tutta la refurtiva è stata riconsegnata all’ignaro padrone di casa che si trovava nella casa di villeggiatura.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews