Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pd, tra Faraone e i zingarettiani la rottura è totale
«Io epurato perché vogliono l'accordo con il M5s»

L'ormai ex segretario regionale è tornato a parlare della rottura con i vertici del Partito democratico. Per l'esponente renziano, tutto nascerebbe dalla volontà di preparare il campo a un'alleanza con il partito di Di Maio

Redazione

Tra Davide Faraone e il Partito democratico la rottura sembra insanabile. Il senatore dem, che nei giorni scorsi ha assistito all'annullamento del risultato delle primarie per la segreteria regionale siciliana, è tornato a parlare questa mattina puntando il dito contro i nuovi vertici del Pd. La tesi di Faraone è precisa: quanto accaduto in Sicilia seguirebbe la volontà di mettere fuori dai giochi i renziani e al contempo preparare il terreno a nuove alleanze. «Stanno epurando a uno a uno i renziani del Pd per dimostrare ai cinquestelle che ci sono le condizioni per un accordo. La Sicilia diventa laboratorio politico di un esperimento del genere. Mi batterò contro questa prospettiva», ha dichiarato annunciando la conferenza stampa.

Il senatore, che la scorsa settimana ha percorso a piedi la Catania-Ragusa per riportare l'attenzione sulla necessità di accelerare nel percorso di realizzazione dell'autostrada, indica anche uno dei presunti responsabili di quella che avrebbe avere tutti i tratti della congiura: Davide Franceschini. L'ex ministro sarebbe uno dei fautori della riapertura nei confronti del Movimento 5 stelle nell'ottica di una possibile rottura tra i pentastellati e la Lega di Salvini. «Un'operazione cinica e pericolosa contro la quale mi batterò fino alla fine. Mi hanno perfino offerto una poltrona a Roma ma non sono interessato», ha aggiunto alludendo a una possibile collocazione nella segreteria nazionale dem. 

Dopo l'annuncio dell'autosospensione dal partito, Faraone fa sapere di avere restituito la tessera - «mi è costato molto perché da 27 anni rinnovavo la mia iscrizione» - ma non di sentirsi fuori dal partito. L'intenzione, infatti, è quella di rimanere iscritto al gruppo parlamentare del Pd al senato. L'affondo più pesante è riservato al segretario nazionale Nicola Zingaretti: «Aveva ricevuto l'ordine di cacciarmi. E lo ha fatto a maggioranza, come non era mai accaduto: evidentemente è stato riprodotto in commissione lo stesso schema delle correnti», ha sottolineato Faraone. Ribadendo una volta di più la propria distanza da coloro che ritengono possibile ricucire i rapporti con il partito di Di Maio, dopo i trascorsi burrascosi degli ultimi anni. «Se il Pd dovesse andare in quella direzione costruire una forza politica nuova, che impedisca percorsi di questo tipo, credo che sia inevitabile», ha concluso. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews