Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Morte di Calogero Giuliana, no all'archiviazione
A Siracusa indagato per omicidio il suo collega

Il giudice per le indagini preliminari ha accolto l'opposizione presentata dall'avvocato che assiste i familiari di Massimo Calogero Giuliana. Il vigilantes aretuseo colpito alla testa da un colpo esploso dalla sua arma di ordinanza mentre era in servizio a marzo 2017

Marta Silvestre

Si indaga per altri sei mesi sulla morte della guardia giurata siracusana Massimo Calogero Giuliana. Il 47enne è stato colpito da un proiettile esploso dalla sua arma di ordinanza, mentre era in servizio la sera del 3 marzo 2017. L'uomo, in seguito alle gravi ferite riportate, muore due giorni dopo all'ospedale Umberto I di Siracusa. Il collega che si trovava in macchina con lui è indagato per omicidio volontario

Adesso, il giudice per le indagini preliminari Andrea Migneco ha accolto l’opposizione presentata dall'avvocato Alessandro Cotzìa - che assiste la moglie della guardia giurata Nella Campisi e la figlia Alessia Giuliana - respingendo la richiesta di archiviazione che era arrivata dal pubblico ministero Marco Di Mauro

Per le ulteriori indagini da svolgere bisognerà riconvocare i consulenti balistici per determinare nuovamente la modalità con cui è avvenuto il fatto, anche riproducendo la dinamica in modo tridimensionale. Oltre a questo, sarà necessario investigare ulteriormente le tracce di sangue nella macchina e le eventuali impronte digitali sull'arma da cui è partito il colpo. 

Un colpo di pistola esploso mentre Giuliana scendeva dall'auto di servizio. Il proiettile ha colpito il vigilantes alla testa, per la precisione è entrato dalla nuca - dietro l'orecchio destro - con una traiettoria dal basso verso l'alto. Il pubblico ministero - adesso trasferito - aveva chiesto l’archiviazione del procedimento per insufficienza di prove

Nell'indagine, inizialmente avviata contro ignoti, unico indagato per omicidio volontario è il collega che è anche il solo testimone di quanto accaduto quella sera. L'imputazione iniziale era stata per omicidio doloso, poi modificata anche per permettere di effettuare delle intercettazioni utili alle indagini. Anomalie e incongruenze sulla dinamica dei fatti sarebbero emerse anche dai racconti dai testimoni che sono stati ascoltati: passanti che si sono fermati, altri colleghi della stessa agenzia di vigilanza e personale di altre agenzie di servizio notturno che sono arrivati sul luogo dei fatti.

Di «incidente» parlano i consulenti tecnici d’ufficio, mentre il consulente tecnico di parte porta avanti la tesi dell'origine dolosa dello sparo. Adesso, il giudice per le indagini preliminari ha riconosciuto alcune incongruenze rispetto all'ipotesi dell’evento accidentale e deciso per ulteriori indagini che verranno affidate a un nuovo magistrato. 

Sei mesi dopo la morte della guardia giurata, il 20 settembre 2017, nell'abitazione della famiglia Giuliana arriva una lettera anonima firmata «un amico». Nel foglio, vengono forniti alcuni elementi importanti sulla dinamica di quanto accaduto. L'anonimo informatore esclude che possa essersi trattato di un incidente. La lettera, già all'epoca, era stata consegnata al sostituto procuratore titolare delle indagini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews