Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Goletta verde alla foce del fiume Irminio a Ragusa
«Qui da mesi Eni responsabile di perdita di petrolio»

Il viaggio di Legambiente in Sicilia inizia nella provincia iblea, dove da diverse settimane è scattato l'allarme per un problema a un pozzo della multinazionale. «Chiediamo informazioni su quanto petrolio è fuoriuscito e sui danni già provocati». Guarda le foto

Redazione

È inaccettabile lo sversamento di idrocarburi nei pressi di un pozzo di proprietà dell'Eni tra Ragusa e Modica, come inammissibile è la mancanza di trasparenza e informazione sulla situazione.

È questo il senso del blitz realizzato stamane da Legambiente sulla foce del fiume Irminio, non lontana da uno sversamento di petrolio che interessa da tre mesi l'area di estrazione di proprietà di Eni in Contrada Moncillè.

I volontari dei circoli di Legambiente Ragusa e Scicli, insieme all'equipaggio della Goletta Verde, in questi giorni sbarcata in Sicilia, hanno esposto nella riserva naturale del Fiume Irmino gli striscioni “Che vergogna”, “No trivelle” e “Stanchi di rischiare”, mentre dall'imbarcazione ambientalista, di fronte alla foce, è stato spiegato lo striscione “Eni – Nemico del pianeta”. Presente all'iniziativa anche Fabio Granata, direttore del Distretto culturale Sud Est Sicilia.

È vergognoso che in Italia un'azienda come Eni, che dice di operare con la massima sicurezza, sia responsabile di una perdita di idrocarburi da mesi e tuttora in corso, a grave danno dell'ambiente e a minaccia delle falde acquifere e del Mongillè, affluente dell'Irminio, in una zona non lontana dalla “Riserva naturale macchia foresta”. È assurdo che una multinazionale come ENI non sia ancora stata in grado di dare spiegazioni e delucidazioni sulle cause dello sversamento, così come gli enti preposti al controllo.

La potenziale contaminazione del pozzo 16 di Eni, nel territorio comunale di Ragusa, è stata denunciata anche da Legambiente, che presentando nelle scorse settimane un esposto alla Procura della Repubblica per chiedere l'applicazione della Legge sugli Ecoreati, ha sollevato il polverone, fino ad allora rimasto colpevolmente sotto il tappeto: “Com'è possibile che un'azienda della portata di Eni non riesca a mettere in sicurezza un pozzo sulla terra ferma per tutto questo tempo, tanto più che non si tratta di una piattaforma petrolifera nella fossa oceanica delle Marianne? - chiede il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani, presente stamane alla foce dell'Irminio – il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, dovrebbe venire in Sicilia per chiedere scusa ai cittadini ragusani di quanto sta accadendo. Contestualmente, chiediamo con forza informazioni sul quantitativo di petrolio fuoriuscito e sui danni ambientali già provocati, che dovranno essere bonificati a spese dell'azienda”.

“La totale mancanza di trasparenza nei confronti dei cittadini siciliani è a nostro avviso intollerabile – afferma Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia – suggerisce la volontà di non far emergere il problema, e anzi di sottacerlo. Chiediamo il blocco delle trivellazioni in regione, la riconversione del sistema energetico regionale fondata su efficienza e rinnovabili, perché i piccoli giacimenti come quello di Ragusa rappresentano un accanimento terapeutico per il nostro territorio”.

Questo grave fatto avviene in una regione come la Sicilia ancora oggi monopolizzata dall'uso delle fonti energetiche inquinanti. La percentuale di copertura delle fonti fossili rispetto ai consumi siciliani, al 2016 (ultimi dati Simeri GSE), si attesta, infatti, all'88,4%, con le rinnovabili che coprono solo l'11,6% dei consumi della regione. La produzione di petrolio dai giacimenti ubicati in Sicilia rappresenta, inoltre, circa il 13,4% della produzione nazionale, grazie alle 628 mila tonnellate (rispettivamente 415 mila tonnellate sulla terra ferma e 212 mila tonnellate in mare) estratte nel 2018.

(Fonte: Legambiente)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews