Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, la droga nascosta nella galleria dismessa
Marijuana e cocaina arrivano dall'Albania, 12 arresti

La squadra mobile ha sgominato un gruppo che avrebbe rifornito la città e parte della provincia. «Adesso gli affari si fanno in riva allo Stretto», ha detto il procuratore aggiunto Rosa Raffa. L'operazione, non a caso, è stata chiamata Tunnel

Simona Arena

Fiumi di marijuana e cocaina dall’Albania a Messina, facendo tappa in Puglia. A scoprirlo è stata la squadra mobile che da settembre del 2017 alla primavera del 2018 ha fatto luce su un traffico di stupefacenti portando oggi all’arresto di 12 persone, mentre altre tre sono al momento ricercate. 

L’operazione è stata battezzata Tunnel, perché all’interno della galleria ferroviaria Spadalara ormai in disuso, che si trova nel quartiere messinese di Bordonaro, gli agenti sequestrano nel settembre 2017 quasi 42 chili di marijuana. All’interno del traforo il gruppo, che secondo la procura era capeggiato dal 21enne Santino Di Pietro e dal 29enne Francesco Delia, si riforniva direttamente in Albania. 

Base operativa sarebbe stato il quartiere di Mangialupi dove vive anche Domenico Pappalardo, 35 anni, la cui abitazione si trova proprio a ridosso della galleria ferroviaria dove è stato trovato lo stupefacente. «La città di Messina è diventata una piazza interessante - spiega il procuratore aggiunto Rosa Raffa - adesso gli affari si stipulano in riva allo Stretto». Lo spaccio coinvolgeva anche la provincia, tra Merì e Barcellona. 

A far scattare le indagini è un’intercettazione telefonica all’interno del carcere di Spoleto durante un colloquio tra Francesco Turiano, 56 anni, e il nipote Santino Di Pietro. «Durante l’ascolto del colloquio gli agenti si accorgono che i due parlano di ordinare e trasportare quantitativi di pesce - prosegue il procuratore aggiunto - Era evidente che non si trattasse di pesce ma di ben altro come poi sveleranno le indagini». La droga arrivava a Martina Franca e da qui, attraverso un sistema di staffetta, veniva portata a Messina. Proprio in uno di questi trasferimenti viene arrestato Di Giovanni con quasi 31 chili di marijuana.

In manette sono finiti oggi anche Francesco Maggio, 35 anni, Salvatore Micari, 34 anni, Cristian Restuccia, 27 anni, Andrea Caporlingua, 28 anni, gli albanesi Ajet Cepaj, 50anni, Roto Mecaj, 57 anni, e Arenari Hoxha, 35 anni. L’arresto è stato notificato in carcere ad Antonino Ieni, 59 anni. 

Sequestrati dalla polizia anche beni mobili, immobili e utilità economiche riferibili alla Asd Pool Planet, un’associazione sportiva dilettantistica la cui titolarità era stata attribuita fittiziamente a terzi da Santino Di Pietro che risponde anche di trasferimento fraudolento di valori. Durante le indagini è emerso anche che il gruppo aveva disposizione delle armi che però non sono state trovate.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews