Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pachino, indagine su contrabbando di gasolio agricolo
Sequestrato un deposito, ipotesi raggiro su accise e Iva

Il tribunale ha disposto anche i sigilli per tre autobotti. L'inchiesta si è basata su registrazione video e monitoraggio degli spostamenti dei mezzi. Le false dichiarazioni avrebbero garantito all'impresa di gestire quantità di carburante maggiori

Redazione

Dai registri la vendita risultava essere stata fatta ad agricoltori, ma in realtà a comprare il gasolio sarebbe stato un altro tipo di utenza. Questa l'accusa ai titolari di un deposito di carburante a Pachino, sequestrato insieme a tre autocisterne dalla guardia di finanza di Siracusa, su disposizione del tribunale. 

Le indagini sono state condotte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e hanno portato alla scoperta di un sistema che, secondo gli inquirenti, avrebbe sfruttato l'accisa agevolata destinata al consumo del gasolio in agricoltura. Stando alla ricostruzione delle Fiamme gialle, in prossimità delle chiusure annuali, i responsabili, dopo aver quantificato il carburante effettivamente ceduto ai soggetti ammessi all'agevolazione fiscale, vendevano la parte rimasta a soggetti non autorizzati. L'accusa per gli indagati è di contrabbando di oli minerali, i quali con questa strategia si sarebbero garantiti la medesima assegnazione di carburante per l'anno successivo, quantità che la legge stabilisce sulla base del consumo dichiarato l'anno precedente. 

Nel corso delle indagini sono state utilizzate telecamere nascoste e apparecchiature gps installate sopra ai mezzi di trasporto. «Tali rilevamenti permettevano di accertare che i luoghi di scarico indicati nei documenti di trasporto e nelle fatture non erano compatibili con l’effettiva posizione delle autobotti rilevata dagli strumenti di localizzazione satellitare, acclarando che le consegne a domicilio, effettuate nei confronti di soggetti formalmente autorizzati, fossero fittizie, risultando in realtà il gasolio ceduto illegittimamente a terzi soggetti non autorizzati, il tutto in evasione di accise e Iva».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews