Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, dà fuoco all'auto e poi ne denuncia il furto

Redazione

Un 41enne disoccupato di Gela non ha i soldi per riparare la sua automobile e decide di incendiarla andando poi a denunciarne il finto furto alla polizia. Ma gli agenti scoprono l'imbroglio e lo denunciano a piede libero per simulazione di reato, false attestazioni all'autorità giudiziaria e incendio. 

Accade a Gela, una città dove gli incendi dolosi di auto sono molto frequenti, al ritmo di uno a notte, e per la maggior parte restano ad opera di ignoti. Il protagonista della vicenda avrà fatto affidamento sulle alte probabilità di rimanere impunito quando ha deciso, nello scorso mese di maggio, di portare la sua autovettura, una Ford Focus, in contrada "Palladia" e di bruciarla. 

Gli agenti del commissariato di polizia si sono insospettiti quando, acquisendo le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza delle zone interessate, hanno accertato discordanze su giorno e ora del presunto furto indicati nella denuncia nonché delle incoerenze sui fatti narrati e poi hanno notato una forte somiglianza fisica tra l'autore del presunto furto e il proprietario. In difficoltà di fronte alle fondate contestazioni dei poliziotti, il disoccupato alla fine ha ceduto, confessando di avere simulato tutto perché, trovandosi in precarie condizioni economiche, non era in grado di far riparare la Ford Focus. 

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews