Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Droga, misure cautelari per 13 persone nel Messinese
Piante cannabis venivano coltivate al mercato dei fiori

L'operazione dei carabinieri di Falcone ha portato in manette l'intero clan. In carcere è finito il titolare di una macelleria di Falcone in cui secondo gli inquirenti avveniva lo scambio di droga. Per gli altri, arresti domiciliari e obbligo di dimora

Redazione

Foto di: etnaponica

Foto di: etnaponica

I carabinieri hanno eseguito a Falcone (Me) un'ordinanza di misure cautelari emessa dal Gip di Patti, su richiesta della Procura, nei confronti di 13 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, estorsione, furto, ricettazione, riciclaggio e danneggiamento di sistemi informatici. Durante l'indagine è stata individuata una rete di spacciatori attivi nella vendita, anche a minorenni, di sostanze stupefacenti (marijuana, hashish e cocaina). Base operativa del clan per lo spaccio era un negozio di generi alimentari del comune tirrenico

Nell'inchiesta sono coinvolti anche numerosi minori, fra acquirenti e pusher. I particolari dell'operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa al Comando provinciale carabinieri di Messina, dal procuratore capo di Patti, Angelo Cavallo, e dal comandate provinciale dei carabinieri di Messina, colonnello Lorenzo Sabatino.

Gli indagati con le accuse a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, estorsione, furto, ricettazione, riciclaggio e danneggiamento di sistemi informatici, sono Salvatore Isgrò, 52 anni, Mario Gitto, 45, Filippo La Macchia, 42, Marco Schepis, 27, Angela Scarapaci, 51, Tommaso Pantè, 49, Antonino Currò, 46, Massimo Cuttone, 24, Vito Imbesi, 60, Giovanni Cutè, 34, Antonino Cutè, 42, Giovanni Di Bartola, 66, Carmelo Recupero, 47. Isgrò è stato condotto in carcere, Recupero e Di Bartola hanno avuto avuto notificato l'obbligo di dimora, gli altri sono stati ristretti ai domiciliari. 

Le indagini sono state avviate dopo un sopralluogo in un mercato florovivaistico in disuso, di proprietà del comune di Falcone, dove sono state trovate tre piante di cannabis indica. L'attività di commercio di droga di vario genere (cocaina, hashish e marijuana) avveniva, secondo l'accusa, utilizzando come base operativa la macelleria di Isgrò a Falcone. L'indagine ha consentito anche di sequestrare circa 1 kg di hashish, 200 grammi di marijuana, 30 grammi di cocaina e sequestrare circa 2.500 euro quale ricavato dell'attività di spaccio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.