Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Treni, chiusa tratta Messina-Palermo fino a settembre
Rfi: «Lavori improcrastinabili, saranno in servizio i bus»

Prevista anche la cancellazione di alcune corse e la sostituzione delle altre con autobus. Come quelli a lunga percorrenza il cui percorso sarà effettuato con autobus in ambedue le direzioni

Simona Arena

Niente treni sulla Messina-Palermo per due mesi. Da oggi stop ai collegamenti sulla tratta della dorsale ferroviaria per «improcrastinabili lavori di messa in sicurezza a linea chiusa della galleria Montagnareale». Questa la motivazione di Rete ferroviaria italiana che ha deciso, d’accordo con al Regione e il comitato pendolari, di sospendere fino al 9 settembre la circolazione. Prevista anche la cancellazione di alcune corse e la sostituzione delle altre con autobus. Come quelli a lunga percorrenza il cui percorso sarà effettuato con autobus da Messina a Palermo e viceversa. Cinque i treni giornalieri provenienti da Milano e Roma per i quali saranno utilizzati pullman per l’intera tratta. Una volta arrivati a Messina centrale a bordo dei convogli ferroviari, i passeggeri saranno fatti salire sugli autobus che li porteranno nelle varie stazioni in cui si sarebbe fermato il treno a lunga percorrenza per poi arrivare a Palermo. 

Analogo discorso invertendo il senso di marcia. Dalla stazione palermitana si partirà direttamente in autobus e si salirà sul treno solo una volta arrivati a Messina dove si forma il convoglio collegato con le carrozze da Siracusa. Per il servizio sostitutivo tra Palermo e Messina è previsto un tempo di percorrenza su gommato di due ore 50 minuti cioè lo stesso tempo che impiegava il treno più veloce che era in linea fino a ieri. 

Discorso diverso per i treni regionali che saranno costretti a un stop a Brolo e a Patti. Anche in questo caso interverranno gli autobus per bypassare la galleria di Montagnareale. La decisione di Rfi di effettuare lavori durante il periodo estivo nasce dal fatto che, se si fossero fatti in autunno, avrebbero condizionato maggiormente i pendolari. Oltre 12mila persone si spostano ogni giorno per andare a lavorare o a scuola dai vari centri tirrenici. In contemporanea con lo stop dei treni, si è registrato un aumento del biglietto da 12 a 18 euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews