Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Stromboli, la lettera di un residente al presidente Musumeci
«Servono interventi per la sicurezza dell'isola, ci stia vicino»

Gianluca Giuffrè da sempre vive nell'isola delle Eolie. Dopo l'esplosione di mercoledì scorso, che ha causato la morte di un escursionista, ha riaperto il negozio di alimentari che gestisce. La risposta del governatore: «Verrò nei prossimi giorni»

Simona Arena

«Dove devo andare? Me lo hanno chiesto alcuni turisti mercoledì, quando ci sono state le due eruzioni dello Stromboli. Non sapevo cosa dirgli». A parlare è Gianluca Giuffrè che a Ginostra, frazione del centro eoliano gestisce un piccolo negozio di generi alimentari. Dopo l’incontro di ieri sera con l’amministrazione comunale di Lipari, ha deciso di scrivere una lettera aperta al presidente della regione Nello Musumeci. «Chiediamo che qualcuno prenda per mano la situazione». Giuffrè è nato sotto lo Stromboli e ha vissuto tutte le eruzioni compreso lo tsunami del 2002. «Non temo il vulcano, ho più paura di chi ci deve mettere in sicurezza e nelle condizioni di fronteggiare l’emergenza - spiega -. Dopo la forte esplosione ci siamo rimboccati le maniche e con l’aiuto di tanti volontari siamo riusciti a rimetterci in piedi e a ricominciare la vita di tutti i giorni». 

Nella lettera racconta anche che ieri ha fatto tornare sull'isola i suoi due gemelli di due anni e la moglie. «Ho riaperto il negozio e siamo pronti ad accogliere i turisti, che saranno ancora più consapevoli di visitare un vulcano vivo ed attivo da millenni», sottolinea. Ginostra, però, resta bisognosa dell'intervento delle istituzioni. «Va messo in sicurezza il costone, instabile da anni e più volte segnalato», dice l'uomo rivolgendosi a Musumeci. Se non lo si farà eventuali ulteriori scosse dello Stromboli potrebbero farlo franare precludendo le vie di fuga verso il mare. Da mettere in sicurezza è anche l’approdo di protezione civile di Ginostra danneggiato dalle mareggiate e per la quale esiste un finanziamento di 880 mila euro. «Da anni l’iter è fermo e l’unico modo per fuggire in quei momenti e per avere soccorso è dal mare. La nostra vita dipende dalla piena efficienza del molo perché in quei momenti e con le ceneri in aria gli elicotteri non possono atterrare?». 

Il lungo elenco delle cose da fare continua e Giuffrè suggerisce al governatore siciliano che i turisti vogliono vedere cartelli con le norme comportamentali da adottare in caso di emergenza. A mancare sono anche le indicazioni sui punti di raccolta. «Non conosciamo il piano di evacuazione e non abbiamo mezzi di comunicazione alternativi per comunicare con l’esterno nei casi, come l’altro giorno, in cui la luce salta e i telefoni diventano muti», aggiunge il residente. La maggior parte dei residenti ha chiesto al sindaco di chiedere lo stato di calamità ma scrive ancora Giuffrè «lo stesso non lo ritiene necessario, forse per paura di danneggiare l’economia turistica, non rendendosi conto di ottenere così l’effetto inverso». «Signor presidente - conclude l'uomo - la invito a venirci a trovare e a constatare di persona quello che dico. Indichi la via da seguire al nostro sindaco aiutandoli a fare quello che va fatto e se non hanno le capacità e le risorse per farlo li aiuti lei li affianchi in questo percorso».

Pochi minuti fa è arrivata la risposta del governatore. «Sarò a Ginostra nei prossimi giorni per verificare di persona quello che serve fare e che non è stato fatto negli anni passati - si legge in una nota -. Servono interventi a breve e a medio termine, legati non solo alla recente attività del vulcano. Ed in questo senso lavoreremo, insieme agli amministratori e agli operatori locali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.