Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Parco archeologico di Segesta, Regione punta al rilancio
Musumeci: «In due anni da 600mila visite a un milione»

La strategia per potenziare il sito culturale, quinto in Sicilia per numero di visitatori, è stata annunciata oggi dal presidente Nello Musumeci in una conferenza stampa a Palazzo d'Orleans. Prevede interventi di manutenzione e la ripresa delle ricerche

Redazione

Passare dalle 635.862 visite in due anni a un milione di visitatori. È l'obiettivo che si pone la Regione sul Parco archeologico di Segesta con i suoi circa 200 ettari di campagna, la presenza del tempio e dell'anfiteatro. La strategia di rilancio del sito culturale, quinto in Sicilia per numero di visitatori, è stata annunciata oggi dal presidente Nello Musumeci in una conferenza stampa a Palazzo d'Orleans. Presenti anche il dirigente generale del dipartimento regionale dei Beni culturali, Sergio Alessandro, il capo di gabinetto dell'assessorato Beni culturali Giovanni Angileri e la direttrice del Parco Rossella Giglio. «Gli obiettivi - spiega Giglio - sono quelli di tutelare e valorizzare un bene con le sue raccolte, assicurandone e promuovendone la pubblica fruizione. Ma soprattutto proseguire le ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell'umanità e del suo ambiente, continuando nella conservazione di quelle già in possesso, e promuovendone la conoscenza al pubblico e alla comunità scientifica». 

Musumeci parla di «avvio della fase due del Parco» grazie alla gestione autonoma amministrativa e finanziaria. «La fase di avvio è la più impegnativa - ha detto Musumeci - perché bisogna procedere all'organizzazione, alla manutenzione dei beni architettonici senza trascurare l'attività di studio e di ricerca che ha una ricaduta dal punto di vista scientifico e magari un po' meno dal punto di vista economico. Abbiamo assicurato l'iniziale sostegno finanziario e nei prossimi giorni faremo un sopralluogo per renderci conto direttamente della situazione». 

Il presidente sottolinea che l'approccio sarà comune a tutti i parchi. «Nei giorni scorsi abbiamo fatto una riunione con i direttori di tutti i parchi e a loro abbiamo detto: "Fateci sapere di cosa avete bisogno e diteci qual è l'attività di ricerca e promozione che volete portare avanti". Prima la tutela del bene e a seguire la valorizzazione. Abbiamo dato 20 giorni di tempo ai direttori per conoscere cosa serve».

Per Segesta è stato redatto un programma generale di attività: la manutenzione ordinaria sulla viabilità carrabile-pedonale e trekking; pulizia e cura del paesaggio agrario - 150 ettari - e attività di prevenzione antincendio (lavori di diserbamento e fasce parafuoco), e la manutenzione straordinaria (punto biglietteria; restauro e consolidamento dei monumenti archeologici in luce); le opere architettoniche e urbanistiche (condotta di approvvigionamento idrico ed elettrico; aree attrezzate nel piazzale di ingresso per i visitatori e sosta di automezzi; ristrutturazione del grande complesso rurale Case Barbaro ad uso uffici, laboratori, servizi, accoglienza e spazi espositivi); l’attività di studio e ricerca archeologica (campagne di studi e restauri; rilievi e ricerche archeologiche nell’area della città ellenistico-romana (Acropoli nord, Agorà, Acropoli sud), dei santuari e luoghi sacri (Tempio, Santuario nell’area di Mango) e della città tardo-antica, araba e medievale. 

E ancora, la programmazione e progettazione europea di ricerca scientifica; promozione convegni, mostre nazionali e estere, gemellaggio con la città di Atene (Museo nazionale e Eforia, ministeri e ambasciate); la comunicazione integrata (edizione di pubblicazioni scientifiche e divulgative sull’area archeologica di Segesta; produzione di supporti digitali, di materiale informativo e didattico per i visitatori); infine, concessioni d’uso oneroso a tempo degli spazi demaniali per eventi speciali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews