Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Restano in carcere l'avvocata e il compagno mafioso
Domiciliari per i poliziotti coinvolti nell'inchiesta Xydi

Angela Porcello e Giancarlo Buggea rimangano dietro le sbarre. Per Filippo Pitruzzella e Giuseppe D'Andrea, ispettore e assistente capo al commissariato di Canicattì, disposti gli arresti domiciliari

Redazione

L'avvocata Angela Porcello e l'ex compagno boss Giancarlo Buggea restano in carcere. I due poliziotti coinvolti nell'inchiesta, Filippo Pitruzzella e Giuseppe D'Andrea - vanno, invece, ai domiciliari. I gip di Agrigento Stefano Zammuto e Alessandra Vella hanno emesso l'ordinanza per 17 dei 23 indagati dell'operazione Xydi che ha disarticolato il mandamento mafioso di Canicattì. 

La nota penalista, durante l'interrogatorio di ieri, ha negato e sminuito tutte le accuse mosse nei suoi confronti. «Non c'entro nulla con la mafia. Quegli incontri sono connessi ai miei incarichi professionali». Nel suo studio legale in via Rosario Livatino a Canicattì, le cimici degli investigatori hanno registrato tutti i summit, almeno degli ultimi due anni, dei capi di Cosa nostra e della Stidda. Svestita della sua toga, lei avrebbe partecipato «al pari degli altri mafiosi» e del clan sarebbe stata anche la cassiera. Non solo esponenti di spicco delle famiglie mafiose di Ravanusa, Favara, Licata, uomini d'onore fedelissimi di Bernardo Provenzano e vertici della rinata Stidda, nello studio legale sarebbe stati ospiti anche esponenti delle forze dell'ordine

Il poliziotto 60enne Filippo Pitruzzella, ispettore fino a poche settimane fa in servizio al commissariato di Canicattì e il 50enne assistente capo in servizio nello stesso ufficio Giuseppe D'Andrea sono finiti agli arresti domiciliari. Pitruzzella - assistito dagli avvocati Salvatore Manganello e Antonino Gaziano - questa mattina è stato interrogato nel carcere di Trapani e si è difeso. È accusato di concorso esterno in associazione mafiosa per avere rivelato informazioni riservate su indagini in corso a Porcello e Buggea. D'Andrea, difeso dall'avvocata Daniela Posante, ieri ha risposte alle domande del gip nel carcere Pagliarelli di Palermo e ha respinto tutte le accuse. Per lui non è stato convalidato il fermo ma è stata firmata un'ordinanza di applicazione dei domiciliari. 

Restano in carcere: Calogero Di Caro (74 anni) boss di Canicattì; Diego Emanuele Cigna (21 anni) di Canicattì; Pietro Fazio (48 anni) di Canicattì; Gregorio Lombardo (66 anni) di Favara; Gaetano Lombardo (64 anni); Calogero Paceco (56 anni) di Naro; Giuseppe Sicilia (42 anni); Luigi Boncori (69 anni) di Ravanusa; Antonino Chiazza (51 anni) di Canicattì. Decisa, invece, la scarcerazione di Giuseppe Pirrera (62 anni) di Favara; Gianfranco Gaetani (53 anni) di Naro; Luigi Carmina (55 anni) di Caltanissetta e Antonino Oliveri (36 anni) di Canicattì.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×