Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Olio, i giapponesi chiedono consiglio alla Sicilia
«Interesse per le nostre produzioni d'eccellenza»

L'agronomo Giuseppe Cicero nelle scorse settimane è volato a Osaka per incontrare alcuni produttori locali. L'input è arrivato grazie a un 34enne ragusano che da anni vive in Oriente e lavora importando i fiori all'occhiello dell'Isola

Danilo Daquino

Dalla Sicilia al Giappone, per parlare di olio siciliano e non solo. È l’esperienza di Giuseppe Cicero, agronomo modicano ed esperto di assaggio per la certificazione degli oli Igp Sicilia, volato di recente a Osaka per una consulenza nel corso della manifestazione Olive Oil Kansai. «Abbiamo trattato diversi argomenti - racconta a MeridioNews -. Dalle tecniche di coltivazione dell’ulivo e a quelle di estrazione. Siamo stati impegnati in due diverse isole, con di produttori che vogliono incrementare e razionalizzare la coltivazione dell’ulivo». 

A invitare l’esperto è stato Lucio Schembari, 34enne ragusano che da nove anni vive in Giappone dove si occupa di import di prodotti agroalimentari della Sicilia. «Sono specializzato in olio di oliva. La mia vita - racconta - è sempre caratterizzata da coincidenze e anche questo caso non fa eccezione. Mio nonno era l’ultimo di una famiglia di massari ragusani. Mio padre andò all’università e mise fine alla stirpe di massari per diventare un libero professionista. Ma ha sempre mantenuto la passione per la terra e ha cercato di trasmettermela. Ricordo ancora quando avevo circa 20 anni e insieme a mio padre - prosegue - ascoltavamo il dottor Cicero parlare di qualità per poter affermare i nostri oli nei nuovi mercati esteri che stavano sorgendo. All’epoca la cosa lasciava un po’ tutti perplessi, soprattutto chi aveva sempre lavorato in un certo modo». 

La strada percorsa è stata una in particolare. «Raccogliere le olive molto più precocemente e di processarle a temperature più basse e per meno tempo, in modo da estrarre un olio con più polifenoli quindi - spiega Schembari - con sapore e odore più deciso e in grado di conservarsi più a lungo. Questo anche a costo di diminuire la resa e aumentare i costi di produzione». Il 34enne da tempo aspettava il momento giusto per portare in Giappone la conoscenza di Cicero, e così grazie al patrocinio del Comune di Osaka e alla collaborazione con Shigenori Matsumura - «teoricamente un mio concorrente nel mercato dell'import, ma in realtà una persona con cui mi sono sempre confrontato» -, l’occasione è arrivata. «La visita è durata sei giorni - spiega Cicero - Ho incontrato diversi produttori del posto, ma anche due italiani che intendono impiantare olivo in Giappone, e pure una società che intende promuovere la coltivazione dell’olivo in due isole a sud di Osaka». 

Quattro imprenditori giapponesi vorrebbero acquistare quasi diecimila piante di olivo per distribuirle a diversi piccoli produttori. «Da circa trecento ettari vengono prodotti trecento tonnellate di olive l’anno, proporzionalmente siamo nell’ordine di un settimo rispetto alla produzione siciliana - spiega l'esperto -. La causa è principalmente dovuta al clima che non è molto agevole: a giugno e luglio si verificano abbondanti precipitazioni che mettono in pericolo l’ulivo. Per i giapponesi l’olio è un alimento eccezionale - sottolinea Cicero -. Ci tengono molto ad avere un prodotto di estrema qualità però non riescono a produrlo così come vorrebbero quantitativamente parlando, per cui sono costretti a importarne buona parte». 

Il mercato giapponese è caratterizzato anche da importazioni dalla Spagna e questo incide negli affari italiani. «Riduce le quantità importate dall'Italia, ma incide anche la Tunisia che sempre di più cerca di raggiungere il mercato orientale - aggiunge Schembari -. Oggi il nostro comparto è tenuto a galla dalla caparbietà di piccole e medie imprese che ostinano a produrre qualità contro tutte le avversità contro cui, soprattutto al sud, i produttori si scontrano ogni giorno. Ma quanto può durare?», si domanda il giovane. La volontà comunque è quella di andare avanti, puntando anche su eccellenze come le mandorle. «Quelle siciliane qui in Giappone sono richiestissime», conclude Schembari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews