Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rimpasto, tra i nomi in corsa c'è anche Aricò
Fratelli d'Italia pronto a ultimatum su Messina

Attesa per la manifestazione di questo pomeriggio a Palermo, da dove il governatore lancerà la «fase due» di Diventerà Bellissima. Intanto circolano i nomi dei papabili alla poltrona di assessore, mentre resta in bilico la questione Armao in Forza Italia

Miriam Di Peri

Foto di: mike palazzotto

Foto di: mike palazzotto

Sul palco di piazza Verdi a Palermo, questo pomeriggio, Nello Musumeci darà il via al lungo tour estivo di Diventerà Bellissima, il movimento fondato proprio dal governatore, con l’obiettivo di costruire un progetto ampio, nell’ambito del centrodestra, che dia voce alle istanze che arrivano dal Sud Italia.

Una manifestazione attesa, sullo sfondo di dinamiche ed equilibri in movimento dalle parti della maggioranza di governo. Anzi, della «coalizione di governo» per usare un termine caro al governatore, che non perde occasione per evidenziare come non abbia una maggioranza che lo sostiene a Sala d’Ercole, continuando a lanciare appelli alla responsabilità di tutta l’Aula.

Intanto, però, con quella coalizione tornerà a fare i conti a strettissimo giro, data l’improvvisa scomparsa dell’archeologo Sebastiano Tusa, già a capo dell’assessorato ai Beni culturali, e di Sandro Pappalardo, che ha rassegnato le proprie dimissioni dal Turismo.

In pole per il posto di quest’ultimo nell’esecutivo regionale continua a stare il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Manlio Messina. Una candidatura, la sua, fortemente caldeggiata da Roma e dall’ala più fedele a Giorgia Meloni all’interno del partito. Al punto che non sono isolate le voci di chi sostiene che la mancata nomina di Messina potrebbe fare riconsiderare ai deputati regionali di Fratelli d’Italia il sostegno al governo regionale. L’altro nome che circola come successore di Pappalardo è quello di Giampiero Cannella, le cui probabilità di approdare davvero al tavolo dei 12 di Musumeci, però, si assottigliano sempre di più.

C’è poi il tema Forza Italia: la poltrona che fu di Tusa, in effetti, è stata precedentemente occupata da Vittorio Sgarbi in quota berluscones, che oggi tornano a rivendicare la nuova nomina. Tra i profili circolati negli ultimi giorni, spunta anche il nome di Rosalba Panvini, già sovrintendente dei Beni Culturali di Siracusa. Ma non particolarmente gradita a Forza Italia. A cui Musumeci starebbe chiedendo lo sforzo di una nomina tecnica di alto profilo. Qualora questa figura non si dovesse individuare, a rivendicare maggiori spazi tra le grazie del governatore è anche l’ala palermitana di Diventerà Bellissima, che da settimane spinge sul nome del capogruppo Alessandro Aricò. In questo caso l’esponente palermitano tra i fondatori del movimento di Musumeci andrebbe al guida del Turismo, mentre i Beni Culturali passerebbero a Fratelli d’Italia.

Infine, la questione Armao: il commissario forzista Gianfranco Miccichè lo ha più volte definito «ex assessore». Ma dalle parti di Palazzo d’Orleans non hanno dubbi: Musumeci sarebbe disposto a chiedere ad Armao un passo indietro soltanto se la richiesta arrivasse dai vertici nazionali dell’alleato forzista. La partita, insomma, è ancora tutta aperta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.