Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Rosolini a Ispica per pestare due presunti ladri
Gli rubano anche il cellulare, indagate 4 persone

A febbraio nella campagna di Ispica alcuni cittadini rumeni erano stati malmenati pesantemente e gli erano stati sottratti il cellulare ed una vettura. Oggi scattano gli arresti

Redazione

I Carabinieri della Stazione di Ispica hanno assicurato alla giustizia quattro soggetti italiani per i reati di rapina aggravata in concorso, lesioni aggravate da uso di armi e violazione di domicilio. Il gravissimo episodio in stile Arancia Meccanica si era verificato a metà del mese di febbraio 2019, allorquando nella campagna di Ispica alcuni cittadini rumeni erano stati malmenati pesantemente e gli erano stati sottratti il cellulare ed una vettura. 

Gli autori del folle gesto provenivano dalla vicina Rosolini. In sostanza, i cittadini italiani incolpavano i rumeni di essere gli autori di alcuni furti verificatisi nelle campagne della città di Rosolini, e per vendicare il presunto episodio delittuoso si erano recati nelle abitazioni di Contrada Pantano Secco, e dopo essersi introdotti nel privato domicilio avevano selvaggiamente aggredito con mazze di legno i due giovani presenti all’interno, cagionando loro gravi lesioni al volto ed agli arti, che condussero i due al ricovero presso il Maggiore di Modica, tanto da arrecare le lesioni giudicate guaribili in giorni 25. 

Altri due cittadini rumeni, un uomo ed una donna si allontanarono fuggendo nei campi circostanti. I quattro aggressori dopo aver gravemente malmenato i rumeni, si sono impossessati di un cellulare per evitare che potessero contattare soccorsi. Allontanandosi, avevano anche danneggiato le vetture ivi presenti, e si erano dati alla fuga con uno dei veicoli degli aggrediti. 

I Carabinieri di Ispica immediatamente intervenuti sul posto, hanno condotto certosina indagine con metodi tradizionali che ha condotto a identificare e deferire alla Procura di Ragusa i 4 soggetti, tutti di Rosolini e Noto, padre e figlio di 58 e 32 anni, e altri due complici di 36 e 64 anni. A conclusione delle indagini preliminari sono stati notificati gli avvisi di conclusione indagine, emessi dal Pubblico Ministero, dottor Rota. La gravità dell’episodio sottolinea la volontà dei soggetti di farsi giustizia sommaria da soli e di non avere alcun timore e rispetto per l’incolumità altrui.

(Fonte: carabinieri di Modica)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.