Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, incendio dentro il centro di raccolta dei rifiuti
Area da mesi è sotto sequestro. Sindaco: «Probabile dolo»

Le fiamme sono partite due ore fa. Sul posto c'è anche il primo cittadino Totò Martello. Da mesi nell'isola si fa i conti coi ritardi nei pagamenti degli stipendi ai netturbini, legati a loro volte con la lentezza con cui le imprese ricevono i soldi da Comune e Regione

Simone Olivelli

Fumo nero e fiamme alte, da circa due ore, a Lampedusa. Ad andare a fuoco è stato il centro comunale di raccolta di contrada Imbriacola. Il rogo è iniziato a metà mattinata, sul posto i vigili del fuoco e anche il sindaco Totò Martello. «Quando accadono queste cose, difficile pensare alla casualità. Molto probabile che sia doloso, ma questo è lavoro delle forze dell'ordine», dichiara il primo cittadino a MeridioNews. L'area in cui sono partite le fiamme rientra tra quelle poste sotto sequestro, a dicembre, su disposizione della procura di Agrigento, per via della gestione non corretta del sito. 

Sull'isola a occuparsi della raccolta sono sei società che si sono aggiudicate la gara presentandosi come raggruppamento temporaneo d'imprese. La capogruppo è l'Iseda srl. Da tempo la gestione dei rifiuti nell'isola delle Pelagie è contrassegnata dai ritardi nel pagamento degli stipendi dei netturbini; ritardi che le imprese giustificano a loro volta con le tempistiche lente con cui il Comune trasferisce i soldi del servizio. Coinvolta anche la Regione che, data la necessità di trasferire via nave i rifiuti da portare in discarica, compartecipa ai costi. 

«Tutto il sistema non funziona e noi lo diciamo da tantissimo tempo - commenta Giacomo Sferlazzo, del collettivo Askavusa -. Non è il primo incendio che si registra nel centro di raccolta. Già anni fa almeno in altre due occasioni i roghi sono stati appiccati. Stabilire da chi non è semplice, ma è certo che siamo sempre più convinti che il servizio andrebbe municipalizzato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×