Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coste pericolose, Regione interdice aree demaniali a mare
Divieti pure per lidi e chioschi. Sindaci: «Misure eccessive»

Le ordinanze sono state emesse dagli Uffici territoriali dell'ambiente. Nei documenti si fa riferimento alle relazioni contenute nei vari Piani per l'assetto idrogeologico. I primi cittadini però cercano la mediazione e rimarcano le contraddizioni

Simone Olivelli

E se fare un tuffo a mare venisse a costare dai cento euro in su? Non si tratta dell'ultima trovata nel campo delle privatizzazioni, ma di ciò che è previsto per chi non rispetterà i contenuti delle ordinanze pubblicate dagli Uffici territoriali dell'ambiente (Uta), ramificazioni provinciali dell'assessorato al Territorio. Al centro dell'attenzione, infatti, c'è la decisione di interdire alcuni tratti di demanio marittimo. In soldoni si tratta di interi pezzi di costa su cui sarà impossibile qualsiasi attività: lidi, chioschi, ma persino una semplice nuotata. Nell'elenco ci sono anche punti d'attrazione non solo per i residenti ma anche per i turisti che scelgono la Sicilia per trascorrere le vacanze estive. Solo per fare alcuni esempi, tra le località citate ci sono l'Isola Bella, a Taormina, diversi punti di Lipari e più in generale delle Eolie, ma anche segmenti di costa che da Riposto passa per Acireale, Aci Castello fino al lungomare di Catania ed è costellata da borghi marinari e cale che ogni giorno ospitano migliaia di persone. In provincia di Siracusa, invece, sono interessati i comuni di Carlentini, Augusta, Siracusa, Avola, Noto, Pachino e Portopalo di Capo Passero.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×