Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, il migrante che ha salvato la donna dalle fiamme
«Permesso di soggiorno? Ho pensato solo ad aiutarla»

A Khadim Ngom non è stato rinnovato il permesso di soggiorno per una condanna per fatti che risalgono a molti anni fa. «Vendevo cd masterizzati». Oggi spera di verdersi riconosciuto quanto previsto dal decreto Salvini per chi compie atti dall'alto valore civile

Simone Olivelli

«Quando ho spento le fiamme addosso alla signora non ho pensato a nulla, ho cercato solo di aiutarla». Quella di ottenere il permesso di soggiorno in Italia per meriti civili è sicuramente un'ipotesi che accarezza, ma Khadim Ngom, il 39enne senegalese che mercoledì ha salvato dalle fiamme una delle donne colpite dall'esplosione al mercato di Gela, tiene a precisare che i due fatti sono separati. Il gesto è stato spontaneo, in quei momenti non c'era spazio per altri pensieri, comprese possibili ricompense. «Sono un venditore ambulante, mi trovavo a circa quindici metri dal furgoncino - racconta a MeridioNews -. Mi sono abbassato, poi ho sentito un botto forte e quando ho alzato la testa c'erano fiamme e persone che scappavano e gridavano».

Sulla deflagrazione la procura di Gela ha aperto un'inchiesta, e ieri sera la polizia ha convocato Khadim in questura come testimone. «Mi hanno chiesto cosa ho visto e ho raccontato come è andata», dice al telefono. Il 39enne, però, di recente ha avuto un altro tipo di comunicazione dalla questura: il rigetto della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno. All'origine della notifica c'è una condanna per fatti accaduti diversi anni fa. «Vendevo cd masterizzati e mi hanno fatto il verbale - spiega -. Ma sono storie passate, perché ormai ho la partita iva e tutti i documenti a posto». E in base a ciò, a dicembre, Khadim si è presentato dalle autorità convinto di potere ottenere il rinnovo senza particolari problemi. Così invece non è stato. «La legge prevede che se si hanno condanne si perda la possibilità di rimanere in Italia - dichiara l'avvocato Leonardo Marino, legale del 39enne -. Tuttavia visto i recenti fatti faremo una richiesta ufficiale per il riconoscimento del permesso per atti di particolare valore civile». Si tratta di una delle novità introdotte dal decreto-legge voluto da Salvini. «Riteniamo che il caso di Khadim rientri perfettamente tra quelli previsti dalla nuova normativa», aggiunge Marino.

Dal canto suo, Khadim, che lavora nei mercati rionali tra Agrigento e Gela e che in Sicilia ha trovato anche l'amore, per il momento non vuole immaginarsi costretto a lasciare l'Isola. «Nessuno mi ha detto che devo farlo, per ora ho ricevuto solo un avviso di rigetto - commenta -. Però spero che tutto si sistema, anche se tengo a precisare che mercoledì ho voluto solo aiutare quella signora». Ricordando quei momenti il 39enne spiega di non avere avuto paura: «C'erano persone che scappavano, ma io ho pensato solo a spegnere le fiamme. E così anche altre persone - rivela -. Un po' mi sono anche ustionato. Spero che la signora si riprenda»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews