Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il centrosinistra dopo le Europee, parla Fausto Raciti
«Claudio Fava chiama il Pd? Interlocuzione possibile»

Dopo le ultime elezioni, un ampio fronte si interroga sulla strada che il centrosinistra deve intraprendere. Secondo il deputato, «in Sicilia serve una coalizione ampia». La casa dei moderati di Micciché? «Se non rompe con Forza Italia è solo un gioco»

Salvo Catalano

Un centrosinistra nuovamente di governo. La strada per le prossime Regionali è lunga ma c'è già chi comincia a pensarci e nei movimenti politici post Europee potrebbero scorgersi i semi del quadro che troveremo ai nastri di partenza della prossima competizione elettorale. Ma non solo. I toni sempre più accesi a Roma tra Lega e Cinque stelle, secondo alcuni, potrebbero innescare davvero una crisi di governo. A parlarne è l'ex segretario del Pd in Sicilia e attuale deputato nazionale Fausto Raciti. 

Raciti, che lezione deve ricavare il Pd dal voto delle Europee?
«Il dato in leggera crescita testimonia che uno spazio c'è e tutto sta nel coltivarlo senza timidezze. In Sicilia vengono premiate due candidature dalla caratterizzazione politica e simbolica che parlano a mondi diversi, oltre lo schemino "apriamo al centro o apriamo a sinistra". Bartolo in particolare rappresenta una figura di forte contrapposizione alle politiche di questo governo».

Bartolo può avere un ruolo politico nella ricostruzione di un centrosinistra largo?
«Questo lo deciderà lui. Certo al suo nome sono collegate speranze. Intanto porterà le sue battaglie dentro le istituzioni, a Bruxelles, e di questo c'era bisogno». 

E il ruolo del Pd in Sicilia quale deve essere? A chi deve guardare per tornare forza di governo?
«Il Pd deve lavorare su se stesso e rafforzarsi. La situazione della Regione è diversa da quella nazionale, perché diverse sono le leggi elettorali. A Palermo si vota in un sistema di coalizione e il Pd non deve perdere l'ambizione a costruire una coalizione larga, guardando i soggetti disponibili a fare un percorso insieme a noi». 

Claudio Fava nelle ultime settimane ha esplicitamente aperto a una collaborazione.
«Fava è un interlocutore, ma non metterei il carro davanti ai buoi, le Regionali sono ancora lontane e lavorerei più su contenuti e alleati che su candidati alla presidenza».

Eppure la politica siciliana è in fibrillazione. Come valuta l'idea della casa dei moderati a cui lavora Micciché?
«A me sembra che, qualora nascesse, questo progetto avrebbe un enorme problema di collocazione sul piano nazionale. O Forza Italia rompe con Salvini nelle regioni o, per costituirlo, Miccichè dovrà rompere con Forza Italia. Se non avverrà nessuna delle due cose sarà solo gioco parlamentare». 

Crede che il governo Lega-M5s abbia vita breve?
«No, tuttaltro. Già prima delle Europee pensavo che non sarebbe successo niente e ne sono convinto tutt'ora. In campagna elettorale hanno provato a occupare maggioranza e opposizione contemporaneamente ma non ha funzionato. Gli italiani se ne sono accorti e hanno punito il Movimento 5 stelle, in un travaso di voti tra i due partiti di maggioranza. Ora secondo me non succederà niente se non, al massimo, un piccolo rimpasto».

Qualcuno invece torna a ipotizzare un avvicinamento Pd-Cinque stelle nel caso si tornasse al voto. 
«Questo qualcuno dovrebbe farsi vedere da un bravo medico. I liberali prima del fascismo facevano liste e alleanze con Mussolini convinti di dominarlo. Sappiamo com'è finita. Loro sono contro il parlamento. Noi siamo per il parlamento. Loro sono per il reddito. Noi per il lavoro. Loro tifano per la forca, noi per lo stato di diritto. Sono nati con l'obiettivo di cancellarci dalla faccia della terra e sostituire la sinistra col populismo, cosa altro deve succedere perché ce ne rendiamo conto? I Cinque stelle, come la Lega, sono avversari e vanno sconfitti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×