Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il traditore, il pentito Buscetta raccontato da Bellocchio
Presentazione a Catania, il ricordo dell'avvocato Trantino

Presentato ieri anche nella città etnea il nuovo film del regista Marco Bellocchio. L'introduzione è stata affidata al legale che racconta i suoi incontri con Falcone e con lo stesso pentito. Il rammarico di alcuni attori presenti: «Il protagonista doveva essere un siciliano»

Antonia Maria Arrabito

Foto di: 01 Distribution

Foto di: 01 Distribution

«Per come l'ho conosciuto io, al giudice Giovanni Falcone, uomo semplice e dal sorriso contagioso, non sarebbe piaciuto essere ricordato come un eroe». A introdurre la presentazione catanese del film Il Traditore, per la regia di Marco Bellocchio, è l'avvocato etneo Enrico Trantino. Lui, da giovane praticante al fianco del padre Ezno, c'era al maxiprocesso nell'aula bunker di Palermo. E si ricorda «il silenzio sacrale» che regnava la mattina in cui Tommaso Buscetta - il collaboratore di giustizia che svelò al giudice Giovanni Falcone la vera struttura di Cosa Nostra, facendo arrestare 366 persone - era atteso per la sua deposizione. C'è naturalmente anche questo passaggio nel film uscito ieri nelle sale cinematografiche italiane. 

Classe 1928, don Masino è uomo d'onore prima e collaboratore di giustizia poi. Ma non «pentito», ribadisce più volte nel film Pier Francesco Favino, suo interprete. Secondo Buscetta, infatti, sarebbe stata la mafia a tradire «i propri valori: ovvero il rispetto per i bambini, le donne e i giudici». Ma a questa mattanza Buscetta non ci sta e, dopo l'assassinio del fratello, decide di collaborare con la giustizia, indotto anche dalle capacità carismatiche del giudice Falcone, a cui fornì prova di tutto ciò che fino ad allora era stato intuito.

Un approccio storico e poco emotivo, che racconta Cosa Nostra per quella che è: un'associazione di uomini senza scrupoli, ma anche di analfabeti ed esaltati, capaci di volgarità e colpi di scena anche durante il maxiprocesso che li vide alla barra degli imputati. L'avvocato Trantino aggiunge il suo ricordo personale di Buscetta, sia al maxiprocesso dove appariva un uomo «rinvigorito», sia, qualche anno dopo, a New York dove l'avvocato andò a sentire il pentito con la Corte d'Assise di Catania: «In quell'occasione - ricorda Trantino - trovai un Buscetta più dimesso, più restio a parlare, forse risentito e deluso per quanto fatto dallo Stato italiano». 

Alla presentazione del film a Catania sono intervenuti anche alcuni attori siciliani che hanno ricoperto ruoli da non protagonisti. E non è mancata una nota polemica. «Ancora una volta per un ruolo da protagonista non è stato scelto un siciliano - afferma l'attore Domenico Gennaro - Non ho condiviso questa scelta». A mancare, secondo il collega Michele Celeste non sarebbe soltanto un protagonista autoctono, «ma anche il vero tradito: il popolo siciliano, l’umanità. Certo - aggiunge - c’è il tocco di Bellocchio, la sua inquadratura. Pier Francesco Favino e Fabrizio Ferracane, nel ruolo del capomafia Pippo Calò, sono straordinari. Ma il personaggio di Buscetta è artefatto e lascia qualche perplessità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews