Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

De Luca, 300mila lettere ai messinesi per votare Musolino
Esposto M5s: «Presentandosi come sindaco, viola la legge»

Il primo cittadino invita - a spese del suo movimento politico, ma presentandosi come rappresentante istituzionale - tutti gli elettori a scegliere la sua candidata. «Sarà un passo avanti se mi volete presidente della Regione». Scelta ritenuta da più parti inopportuna

Una lettera come tante ne vengono spedite durante le campagne elettorali, nelle quali si invita il destinatario a votare quello, piuttosto che un altro candidato. Ma quella arrivata nelle case di quasi 300mila messinesi (100mila del capoluogo e 200mila della provincia) per sostenere la candidatura di Dafne Musolino al parlamento europeo è stata inviata direttamente dal sindaco di Messina e della città metropolitana Cateno De Luca. Con soldi, fanno sapere dalla segreteria del movimento Sicilia Vera, del partito. «Io - scrive il primo cittadino - nella qualità di sindaco di Messina e della città metropolitana, ho individuato nell'assessore Dafne Musolino la persona giusta per rappresentare e riscattare il nostro territorio». Una scelta che da più parti viene considerata inopportuna, perché confonde il piano istituzionale con quello politico. 

In particolare i deputati messinesi del Movimento cinque stelle hanno pronto un esposto all’Agcom, al Corecom, alla Guardia di finanza e alla prefettura. Secondo i parlamentari Valentina Zafarana, Antonio De Luca, Francesco D’Uva e Grazia D’Angelo, qualificandosi come sindaco e non come leader di un movimento politico, De Luca avrebbe infranto l’articolo 9 della legge 28 del 2000 che ordina: «Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione, ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale e indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni». 

Seguendo una strategia che va avanti dall'inizio della campagna elettorale, ancora una volta De Luca associa la candidatura di Musolino alle Europee alla sua ambizione di correre alle prossime Regionali per la poltrona di governatore della Regione. Un'aspirazione che ieri ha incassato l'endorsement del coordinatore regionale di Forza Italia Gianfranco Micciché. «Se ritenete che, in un prossimo futuro, io possa essere un buon presidente della Sicilia - scrive De Luca nella lettera - il 26 maggio votate Musolino al Parlamento europeo perché sarà un ulteriore e indispensabile passo avanti per spalancare le porte di Palermo al vostro Cateno De Luca».

Dalla segreteria del movimento Sicilia Vera fanno sapere che la spesa per inviare 297.886 lettere è di 105,332,49 euro. «Da sindaco metropolitano - spiega Musolino - De Luca pensa che io possa essere utile a Messina. E poi nessuno ha reclamato quando Musumeci è venuto a sostenere Bramanti per le Amministrative, o quando Di Maio e Salvini vengono a sostenere i loro candidati. De Luca - conclude - usa la lettera che è un mezzo un po' più da vecchia politica». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×