Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa-Gela, completato svincolo per Canicattini Bagni
Vinciullo: «Solo sottopasso». Falcone: «Ora in sicurezza»

Una cerimonia con l'assessore regionale Marco Falcone per inaugurare la messa in sicurezza, attraverso opere idrauliche, dello svincolo che porta all'autostrada. Ma l'ex deputato attacca: «A sei giorni dalle Europee siamo caduti in basso». Guarda le foto

Marta Silvestre

Una cerimonia per il completamento e la messa in sicurezza dello svincolo Maremonti per Canicattini Bagni lungo l'autostrada Siracusa-Gela, ancora operativa solo fino a Rosolini. L'annuncio era stato fatto diversi giorni fa dall'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, che questa mattina era presente insieme ad alcuni sindaci del Siracusano e ad alcuni deputati regionali del territorio, oltre ai tecnici del Cas e ai rappresentanti dell'impresa appaltatrice. 

In realtà lo svincolo, che collega l'autostrada alla viabilità secondaria, è operativo da anni ma lasciato parzialmente incompleto. Ed è proprio su questo aspetto che un altro ex deputato del territorio, Vincenzo Vinciullo, attacca il governo regionale, definendo la cerimonia «l'inaugurazione della politica dei sottofondi e dei sottopassi. A essere consegnato, infatti, è stato solo un sottopasso peraltro ancora non ultimato». Lo svincolo Maremonti è stato aperto il 29 luglio del 2015 «ed è stato percorso ogni giorno e ogni notte da centinaia di automobilisti. Adesso - aggiunge Vinciullo - a sei giorni dal voto per le elezioni Europee, a essere inaugurato è stato solo un sottofondo di un sottopasso: possiamo ben dire di essere caduti in basso».

Ma l'assessore Falcone sottolinea i rischi che i recenti lavori avrebbero risolto. «A novembre, abbiamo fatto ripartire il cantiere di un’opera che purtroppo si era arenata per un contenzioso. L’infrastruttura oggi completata consente di mettere in sicurezza, dal punto di vista idrogeologico, lo svincolo che diventa strategico all'interno della viabilità del Siracusano. Oggi, un'opera da 12 milioni di euro che era bloccata, viene consegnata alla fruizione dei cittadini».

Nel passato, in effetti, durante i lavori di realizzazione dello svincolo, a causa di una lite insorta con un privato, non è stato possibile realizzare per intero le mura di contenimento e il sottofondo del sottopasso. Mancanze che hanno provocato, in passato, allagamenti della carreggiata. «Ecco, è questa la parte dell'opera che oggi è stata consegnata - ribadisce Vinciullo - Se non venisse sperperato denaro pubblico, potremmo solo ridere ma, dal momento che si spendono le tasse dei cittadini, siamo autorizzati a essere incazzati». 

La visita di oggi di Falcone è stata l'occasione anche per effettuare un sopralluogo nel vicino cantiere della bretella Noto-Pachino, all'uscita dello svincolo di Noto. «Il cantiere - commenta Falcone - procede speditamente e, così come da tabella di marcia, nel mese di giugno il collegamento fra lo svincolo di Noto e la zona costiera di Lido di Noto sarà realtà».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×