Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Noto, via Nicolaci diventa un'opera d'arte per l'Infiorata
«Ogni bozzetto deve rispondere a equilibrio e armonia»

Gli infioratori, stanotte, hanno trasformato la strada più barocca in un tappetto di fiori. I 16 quadri raccontano storie di siciliani in America. «In 30 anni che infioro - racconta una maestra a MeridioNews - non ho mai assistito allo smontaggio». Guarda le foto

Marta Silvestre

Gli infioratori netini hanno trasformato via Nicolaci in un tappeto di fiori. I segni dei gessetti bianchi dei bozzetti tracciati sull'asfalto, venerdì notte, hanno accolto foglie e petali di diversi colori e dimensioni. Alla strada più barocca di Noto in occasione della 40esima edizione dell'Infiorata - dal titolo Vieni ca ti cunto - è affidato il compito di raccontare con le immagini floreali le storie dei siciliani in America. «Il lavoro, in realtà, inizia molto prima della notte della posa - racconta a MeridioNews la maestra infioratrice Carmela Cirinnà, che è anche docente al liceo artistico Matteo Raeli e all'accademia di belle arti di Noto - e coinvolge anche molti studenti di diverse classi». 

Tra i 16 quadri naturali di quest'anno c'è l'immagine simbolo della statua della libertà, la raffigurazione di un gruppo di giovani pronti a salpare per raggiungere l'America e ricominciare una nuova vita, il ricordo dello sbarco in Sicilia degli alleati (operazione Husky) del 9 luglio del 1943, durante la seconda guerra mondiale. Ma anche un'immagine dedicata a Gaetana Midolo, la giovanissima netina morta a New York, insieme ad altre 145 persone per lo più giovani immigrati italiani ed ebrei, nell'incendio della fabbrica Triangle shirt waist company nel 1911. Altri lavori con fiori e materiali tutti naturali sono un omaggio alla casa di produzione statunitense di cartoni animati Hanna-Barbera, al Toro di Wall Street, e a personaggi come Lady Gaga, Liza Minnelli e Frank Sinatra.

«Si parte sempre dalla realizzazione del bozzetto (realizzato in scala uno a venti) - spiega la maestra infioratrice - che deve rispondere ai due criteri di equilibrio e armonia sia dal punto di vista compositivo che cromatico. Poi - continua - durante tutta la settimana che precede l'inizio dell'Infiorata i lavori entrano nel vivo: il giovedì è il giorno in cui si tagliano i fiori e gli altri materiali tutti vegetali, e si sistemano in contenitori con le reti perché prendano aria e restino vivi». Non solo fiori e foglie ma anche crusca, carrubello, riso intero e macinato, farina di mais, fagioli rossi e neri, lenticchie

«Dopo che sul basolato è stata riportata la griglia, viene realizzato il disegno con il gessetto e poi ripassato con un colore acrilico - ripercorre Cirinnà - Il venerdì comincia poi il momento magico della messa in posa». Le cassette di legno piene garofani, gerbere, crisantemi e statici arrivano in via Nicolaci. «Si parte dai contorni che si delineano con la torba (materiale naturale fibroso impiegato solitamente per la fertilizzazione dei terreni, ndr) e poi si passa alla fase del riempimento che, man mano, compone l'opera d'arte», continua la docente. 

Lungo la strada leggermente in salita, chiusa a monte dalla chiesa di Montevergini con la facciata incorniciata da due campanili, su entrambi i lati si possono ammirare i palazzi barocchi - tra cui Palazzo Nicolaci di Villadorata - con i balconi sostenuti da mensole a forma di putti, cavalli, sirene, leoni e figure grottesche tra cui spicca un curioso personaggio con il naso camuso e le labbra spesse. Fino a lunedì, però, le teste di turisti e visitatori non saranno rivolte soltanto all'insù ma si abbasseranno per guardare il selciato diventato opera d'arte. E lo smontaggio, poi, come avviene? «In trent'anni che infioro, non ho mai assistito al momento dello smontaggio - conclude Cirinnà - Non mi piace l'idea di vedere distruggere ciò che meticolosamente è stato costruito». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews