Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Spese pazze, condanna definitiva per Adamo e Marrocco
I due ex deputati dovranno risarcire all'Ars 214mila euro

La Cassazione ha messo la parola fine sulla vicenda che riguardava i due ex parlamentari regionali trapanesi. Respinto il loro ricorso. Contestate spese per l’acquisto di cravatte, pernottamenti in hotele pure per i fumetti di Diabolik

Pamela Giacomarro

Dovranno risarcire all’Ars ben 214 mila euro. La Cassazione ha messo la parola fine sulla vicenda delle spese pazze alla Regione che aveva coinvolto gli ex parlamentari regionali trapanesi, Giulia Adamo e Livio Marrocco, condannati rispettivamente a pagare 165mila e 49mila euro. 

I giudici hanno stabilito che la responsabilità «è quella propria di chi, avendo conseguito la materiale disponibilità del denaro ne abbia in qualche modo fatto un uso non accorto, contravvenendo alla corretta destinazione delle risorse gestite, in violazione dei principi generali di contabilità e delle norme disciplinanti la contribuzione pubblica ai gruppi stessi». I due ex parlamentari regionali avevano presentato ricorso contro la decisione della Corte dei Conti che, secondo i loro legali, avrebbe violato «il principio di insindacabilità delle attività poste in essere dai deputati regionali nell’esercizio delle loro funzioni». In sostanza andava esclusa «la giurisdizione contabile sulle modalità di utilizzo, in concreto, di tali contributi ai gruppi parlamentari presso l’Ars», visto che il parlamento siciliano non prevedeva «alcuno specifico vincolo normativo di destinazione dei contributi in favore dei gruppi».

La Cassazione ha invece stabilito che «la prerogativa dell’insindacabilità non riguarda affatto l’attività materiale di gestione delle risorse finanziarie, che resta assoggettata alla ordinaria giurisdizione di responsabilità civile, penale e contabile». 

All’ex capogruppo dell’Udc all’Ars ed ex sindaco di Marsala Giulia Adamo erano contestate spese per l’acquisto di cravatte, pernottamenti in hotel e affitto di sale convegni, spese alla bouvette dell’Ars, contributi a deputati regionali e collaboratori del gruppo parlamentare. All’ex capogruppo di Futuro e libertà Marrocco invece, erano state addebitate diverse spese: dall’acquisto di giornali, compresi i famosi fumetti Diabolik, agli iPad sino a servizi di lavanderia, farmaci e acquisto di generi alimentari.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×