Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Amministrative, M5s e Miccichè: il bilancio della Lega
«Forza Italia maleodorante, a Gela un nuovo Nazareno»

Il commissario leghista Candiani traccia un bilancio del voto, parla delle spaccature interne al Carroccio - «A volte protagonismi esagerati» - e attacca il presidente dell'Ars e il M5s sul dissesto di Catania. «Salvini in Sicilia per anniversario della strage di Capaci»

Salvo Catalano

Forza Italia? «Quella siciliana di Miccichè è maleodorante, a Gela governeranno col Pd in un nuovo Nazareno, auguri». Musumeci? «Vorrei che assorbisse la linea della Lega nel suo lavoro». Carroccio senza sindaci in Sicilia? «Siamo soddisfatti perché non abbiamo accettato soluzioni di comodo». Stefano Candiani, commissario della Lega in Sicilia, traccia il bilancio delle Amministrative. Ma la conferenza stampa catanese in una sala dell'hotel Excelsior piena di militanti più che di giornalisti, serve anche ad arginare le frizioni interne al partito che, dopo le Europee, rischiano di diventare vera e propria resa dei conti. E per rivendicare «una coerenza politica» nel rinunciare ad apparentamenti ai ballottaggi e discontinuità rispetto a «un modo di fare politica che ha predato la Sicilia». Attorno a lui l'assessore catanese Fabio Cantarella, il neosindaco di Motta Sant'Anastasia, primo cittadino eletto in Sicilia tra le fila della Lega (seppur senza simbolo) Anastasio Carrà, il candidato sconfitto a Caltanissetta Oscar Aiello e il coordinatore provinciale del Messinese Matteo Francilla.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×