Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Araba Fenice, è iniziato il dibattimento del processo
Salvatore Giuliano ha partecipato in videoconferenza 

Il procedimento riguarda il boss di Pachino, suo figlio Gabriele, i tre fratelli Aprile, il consigliere comunale Salvatore Spataro e altre tre persone. Dopo i problemi tecnici dell'udienza dello scorso marzo, il capomafia ha potuto assistere all'udienza

Marta Silvestre

È cominciato questa mattina, nell'aula del tribunale di Siracusa, il dibattimento del processo con rito immediato a carico del boss di Pachino Salvatore Giuliano, di suo figlio Gabriele, dei tre fratelli Claudio, Giovanni e Giuseppe Aprile, di Maria Sanguedolce, Antonino Cavarra, del consigliere comunale Salvatore Spataro e di Alex Greco, tutti coinvolti nell’operazione Araba Fenice dello scorso luglio. Le accuse rivolte dai magistrati vanno dall'associazione mafiosa alle estorsioni, ma riguardano anche il traffico di droga e la commissione di furti ai danni di abitazioni e imprese del territorio.

Durante l'udienza di oggi, la difesa e il pubblico ministero hanno reso note le richieste di prova. «Il pm ha chiesto di sentire i tutti i testi già presenti nell'elenco precedentemente depositato, si tratta di una trentina di persone in tutto. Inoltre - spiega a MeridioNews l'avvocato Giuseppe Gurrieri, difensore tra gli altri del capomafia - ha fatto richiesta di alcuni ulteriori documenti e della trascrizione delle intercettazioni». Il collegio si è riservato di decidere su tutto e la prossima udienza è stata fissata per il 27 maggio

Superati i problemi della predisposizione dell'iter per avviare la videoconferenza, che si erano verificati lo scorso marzo, Giuliano ha potuto assistere all'udienza in collegamento dal carcere di Sassari dove si trova detenuto al regime del 41 bis. Per il provvedimento cui è sottoposto il 55enne, ritenuto al vertice dell'omonimo clan attivo nell'area sud della provincia siracusana, il legale difensore aveva presentato ricorso.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×